rotate-mobile
Mercoledì, 8 Febbraio 2023
Cronaca Nociglia

Rubò il caffè e aggredì la cassiera che lo inseguiva: un anno e sei mesi

I carabinieri hanno condotto in carcere Querino Manis, 47enne. Nel 2009 effettuò un furto da poche decine di euro nel supermarket Maxi Sidis di Poggiardo e mollò un colpo in pieno volto alla donna che aveva tentato di bloccarlo

 

NOCIGLIA – Deve trascorrere in cella un anno e sei mesi di reclusione, per una rapina impropria, cosiddetta perché seguita da un tentativo di difendere la refurtiva dopo un taccheggio, aggredendo una cassiera che si era messa senza timore alle sue calcagna. Ora, per Querino Manis, 47enne di Nociglia, è dunque giunto il momento di scontare la pena per quell’episodio, avvenuto a metà ottobre del 2009 a Poggiardo.

Una mattina, Manis, entrò nel Maxi Sisid di via Unità d'Italia, a Poggiardo, nelle vesti di normale cliente, e prese alcune confezioni di caffè dagli scaffali. Tutto nella norma, se non fosse stato per l’epilogo. Invece di passare alla cassa, infatti, preferì dileguarsi guadagnando l’uscita, più o meno di soppiatto, con quella refurtiva da pochi euro fra le braccia.

manis querino-2Una cassiera, però, si accorse di tutto ed uscì all’esterno, seguendo l’uomo e riuscendo a fermarlo dopo poche decine di metri. Manis, vistosi alle strette, la colpì in volto, riuscendo così a farla franca, ma solo per qualche ora. Avvisati i carabinieri e identificato in breve l’aggressore, trattandosi di una persona già nota alle forze dell’ordine, fu rintracciato poco dopo nella sua cittadina di residenza, Nociglia, e arrestato per rapina impropria e lesioni personali.

Passata in giudicato la sentenza, ora per il 47enne si sono riaperte le porte del carcere di Lecce.      

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rubò il caffè e aggredì la cassiera che lo inseguiva: un anno e sei mesi

LeccePrima è in caricamento