In viaggio dal nord verso il basso Salento con 9 chili di hashish nel sottofondo

Gli investigatori della squadra mobile e del commissariato di Taurisano hanno arrestato un marocchino, Cherki Fhair, 53enne, residente nel bolognese. Il carico stipato in una Ford Fusion, intercettata a Ruffano. L'auto è intestata a un giovane pregiudicato del milanese. L'indagine promette risvolti

RUFFANO – In viaggio dal nord Italia verso il basso Salento. A bordo un carico di quelli che scottano: 9 chilogrammi di hashish. Erano nascosti nell’auto. I panetti erano stati infilati in un sottofondo. Escamotage molto in voga, ma non per questo sempre utile a evitare i controlli. Nel giro di poche ore sono ben due i casi analoghi scoperti, se si considera quello al porto di Brindisi. Protagonista un albanese che ha candidamente dichiarato di avere un “business in Lecce”.

Veri e propri fiumi in piena di droga, lungo le strade salentine: un dato che deve far riflettere, e molto. L’ultimo episodio in ordine cronologico, appena questo pomeriggio. Gli agenti di polizia della squadra mobile di Lecce e del commissariato di Taurisano, rispettivamente diretti dai vicequestori aggiunti Sabrina Manzone e Salvatore Federico, hanno intercettato una Ford Fusion dentro Ruffano.

FHAIR Cherki 01.01.1961-2A bordo c’era un marocchino, Cherki Fhair, 53enne. Ha una residenza in Italia, nel bolognese. Ma un aspetto molto importante, per i risvolti dell’indagine, è stata la scoperta che l’auto risulta intestata a un pregiudicato 28enne della provincia di Milano. Atteggiamento guardingo, comportamento nervoso, quando gli investigatori hanno iniziato ad avvicinarsi, è sceso dal veicolo ed ha iniziato ad addentrarsi per le vie del centro storico. Aveva capito di essere finito in trappola. Ha iniziato a correre ed è stato inseguito e infine bloccato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La scoperta della droga, racchiusa in novantuno panetti, gli è valsa un paio di tintinnanti manette. Cherki Fhairm, che ha precedenti specifici, su disposizione del pm di turno, Stefania Mininni, è stato condotto in carcere. Anche lui, come il già citato albanese fermato a Brindisi, aveva un “business in Lecce”. Ma non ha avuto bisogno di sottolinearlo. Prossimi passi, accertare provenienza e destinazione ultima dell'hashish.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Coronavirus: 50 nuovi in Puglia, 6 in provincia di Lecce. E un positivo al voto a Nardò

  • Furgone sbanda, finisce contro l’albero e prende fuoco: un ragazzo in coma

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento