Cronaca

Abusivismo sul litorale, ruspe in azione: "Risarcimento dell'interesse pubblico"

Iniziate le operazioni di quattro immobili. L'assessore all'Urbanistica, Rita Miglietta: "Una nuova stagione di governo del territorio"

LECCE - Sono iniziati questa mattina i lavori di abbattimento di quattro immobili abusivi individutati nelle marine leccesi: due a Torre Chianca, uno a Torre Rinalda, un altro a Frigole. Le operazioni sono state affidate a una ditta specializzata e finanziate con un apposito fondo regionale. 

Le ruspe sono entrate in azione a Torre Chianca per buttare giù un fabbricato di 54 metri quadrati, per raggiungere il quale era necessario attraversare un ponticello sul bacino d'acqua, costruito su suolo demaniale. Sul posto erano presenti anche il sindaco, Carlo Salvemini, e l'assessore all'Urbanistica, Rita Miglietta (nella foto, sotto); quest'ultima ha dichiarato: "Grazie alla legge regionale 15 del 2012 e all'impegno costante e attento del nucleo di vigilanza dell'amministrazione, questi interventi - che penso sia più giusto nominare più che di demolizione, azioni di ripristino della legalità, di ricostruzione del paesaggio e di restituzione alla collettività di importanti beni ambientali - sono il segno tangibile di una nuova stagione di governo del territorio, fatta di monitoraggio e costruzione di un futuro sostenibile, dove più che piccoli o grandi interessi privati, è importante oltre che doveroso perseguire l'interesse della collettività".

Video: la demolizione del fabbricato abusivo

Per il primo cittadino "abbattere un’abitazione abusiva nel bacino d’acqua di Torre Chianca è una forma di risarcimento al paesaggio, alla natura, alla bellezza, alla comunità.  Siamo sempre in debito, purtroppo: tante, troppe le violazioni compiute negli anni. Ma questo non deve impedirci di provvedere - un provvedimento alla volta - a riaffermare l’importanza nell’osservanza delle regole e nella tutela dell’interesse pubblico".

L'assessore Miglietta ha assicurato che da parte dell'amministrazione comunale leccese c'è tutta la volontà di proseguire con un'azione costante: "Nel caso delle nostre marine dobbiamo lavorare per restituire al mare e alla spiaggia la fruizione collettiva, la percezione dei panorami marini, l'equilibrio idrogeomorfologico: un lavoro lungo ma che abbiamo già intrapreso, ci auguriamo che anche il lavoro che si sta svolgendo in Regione per una nuova legge sulla bellezza, aiuti gli enti locali a recuperare le risorse per altri interventi analoghi".

sindaco_assessoreMiglietta-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abusivismo sul litorale, ruspe in azione: "Risarcimento dell'interesse pubblico"

LeccePrima è in caricamento