Mercoledì, 29 Settembre 2021
Cronaca Otranto

S'incagliano con la barca, in apnea sblocca le ancore

Un agente della squadra nautica della polizia s'è tuffato in mare, a dieci metri di profondità, liberando due ancore dagli scogli e consentendo ad una famiglia in difficoltà di rientrare ad Otranto

Brutta avventura per una famiglia in alto mare, finita però fortunatamente bene. Padre, madre e figlia, originari di Otranto e residenti a Cuneo, in vacanza proprio nella Città dei Martiri, sono rimasti incagliati mercoledì scorso con la propria barca al largo delle Orte. Le due ancore fissate fin troppo saldamente agli scogli sottostanti non volevano proprio saperne di rientrare "alla base", nonostante gli sforzi congiunti. E proprio quando erano in preda al panico, sono arrivati i soccorsi. L'equipaggio della squadra nautica di polizia, a bordo dell'unità navale Ps 1105, ha notato l'imbarcazione ferma ed i tre occupanti in stato di agitazione, avvicinandosi per un controllo. Uno degli agenti, visto che a bordo della barca sarebbe stato impossibile continuare negli sforzi sovrumani, s'è immerso senza esitare in apnea fino ad una profondità di circa 10 metri, riuscendo solo in questo modo a disincagliare entrambe le ancore.


Si tratta solo di uno dei tanti esempi, il più recente, di salvataggi compiuti in mare da agenti della squadra nautica. E a tale proposito, lunedì prossimo, a Gallipoli, presso l'Associazione nazionale marinai d'Italia (lungomare Marconi), si svolgerà la XIV edizione del premio "Fratelli del mare", nel corso della quale, alla presenza del presidente dell'Anmi, 1° maresciallo Franco Patricelli, e con la partecipazione dell'artista Gianni Ippoliti, saranno premiati l'ispettore capo Alfio Colaci, l'assistente Marcello Bray, l'assistente Loffredo Grezio, l'assistente Gaetano Matrisciano, l'agente scelto Valentino Greco e l'agente scelto Danilo Gnoni, tutti della squadra nautica, per un salvataggio effettuato nel mare di Gallipoli lo scorso dicembre, quando i poliziotti riuscirono a salvare la vita ad un uomo che si trovava a bordo della sua imbarcazione e che a causa delle condizioni meteorologiche avverse, stava per schiantarsi contro gli scogli frangiflutti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

S'incagliano con la barca, in apnea sblocca le ancore

LeccePrima è in caricamento