Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca

Sa..lento nel parco, in bici, a piedi e anche in treno

Dalla biciclettata di 50 chilometri, alla degustazione di prodotti tipici seguendo un asino, fino all'abbinamento tra Ferrovie Sud Est e due ruote in programma giovedì 8, con scalo a Gagliano del Capo

badisco-4

LECCE - Grande successo per i passi iniziali dell'edizione 2011 di Salento nel Parco nell'area protetta "Costa Otranto Leuca e Bosco di Tricase". Si parte a traffico lento in bici, a piedi, sul calesse con un bell'asinello al seguito; coinvolge giovani, anziani e bambini, adulti e non con sensibilità diverse, ma uniti in allegre carovane di residenti, turisti e visitatori di una delle più belle coste di Puglia. La cooperativa "Ulisside" e la cooperativa "Terra Rossa" hanno aperto la serie di appuntamenti che riempiranno la settimana di Salento nel Parco. La prima associazione, dedita principalmente all'escursionismo naturalistico, ha confermato il fascino della biciclettata coi muscoli, nella ormai storica "Terramare": circa 50 chilometri che chiudono un'area ricchissima, a cavallo tra costa ed entroterra, attraversando tante stradine che solcano le campagne e i paesini centrali del Parco, da Andrano a Santa Cesarea Terme.

"Terra Rossa" dedita, invece, alle attività di inclusione ed integrazione sociale soprattutto attraverso il legame con la terra, l'agricoltura e la natura nel suo insieme. Quest'anno grande seguito per "Eh vengo anch'io": l'iniziativa in cui varie età, ma anche abilità diverse, hanno seguito il passo lento dell'asino, per trovarsi insieme nel confronto e nella degustazione di prodotti tipici. La passeggiata rurale poi, ha rispolverato il fascino antico di uno dei più importanti siti del Parco: l'unico biotopo delle vallonee a Tricase; qui i vetusti esemplari arborei raccontano storie e leggende che meritano di essere ascoltate in tutti i sensi, "con tutti i sensi". Più di cento persone hanno aderito alle due iniziative.

Giovedì 8 settembre, il Parco punta ancora sul patrimonio dell'area protetta e sul rispetto della natura: l'autostrada delle biciclette. Quasi 60 chilometri di bellezze naturali, di panorami mozzafiato, a traffico controllato per l'occasione: il suggestivo percorso da Otranto a Leuca, sarà inframmezzato con soste di divulgazione ambientale e ghiotti punti degustazione, offerti da aziende ed agriturismi che costituiranno la comunità del cibo del Parco. Ne sono previsti due uno presso l'insenatura "Acquaviva", tra le 12 e le 14 con friselline, olio e miele; l'altro in località Torre san Emiliano, tra le 16 e le 18 con i formaggi dell'area otrantina.

Un treno delle Ferrovie del Sud Est in partenza da Lecce alle ore 07.56 potrà portare fino a 15 biciclette a chi volesse raggiungere Gagliano del Capo e percorrere da Sud a Nord la litoranea per rimettersi in treno, sempre bici al seguito, ad Otranto alle ore 19.13 con un altro treno messo a disposizione dalle Ferrovie Sud Est con lo stesso carico massimo di bici. Un'occasione imperdibile per locali e turisti che vogliano scoprire l'anima autentica dei sapori e dei colori salentini. Tutto il programma e le informazioni per partecipare agli eventi sono scaricabili su www.parcootrantoleuca.it, sezione agenda del parco.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sa..lento nel parco, in bici, a piedi e anche in treno

LeccePrima è in caricamento