Domenica, 19 Settembre 2021
Cronaca Melendugno

Anziana accusa malore in spiaggia, carabiniere, personale del lido e medico la soccorrono: è salva

Tre minuti di disperato massaggio cardiaco, nella tarda mattina di oggi, sulla spiaggia di San Basilio di Melendugno. Una 82enne di Cavallino accompagnata poi in ospedale dal 118: ora è ricoverata a Scorrano

Foto di repertorio.

SAN BASILIO (Melendugno) – Viva grazie alla collaborazione dei cittadini. Un malore e una 82enne perde conoscenza: un carabiniere libero dal servizio, un medico presente in spiaggia e il personale del lido la tengono in vita fino all’arrivo dei soccorsi. L’episodio intorno alle 12,30 di oggi, a San Basilio di Melendugno, dove R.T., una donna di Cavallino, ha accusato un improvviso malore.

Un appuntato dell’Arma, che ha subito notato la scena, si è lanciato per sostenere l’anziana evitando che cadesse battendo la testa. Adagiata al suolo, la donna è stata anche raggiunta da una dottoressa che si trovava nei paraggi. Il medico le ha prestato aiuto con un massaggio cardiaco durato circa tre minuti. Una disperata lotta contro il tempo, assieme al bagnino e ai titolari dello stabilimento vicino, davanti all’anziana che aveva ormai perso conoscenza. Facendo temere il peggio.

Giunto il personale del 118, l’82enne è stata accompagnata d’urgenza presso il pronto soccorso dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce per tutti gli accertamenti cardiologici e per essere tenuta sotto osservazione. Il personale sanitario ha disposto il ricovero della donna, data la delicata età e fino al chiarimento della causa del malore. Al momento, la donna è stata trasferita nel nosocomio di Scorrano. Ma quanto meno ora sarebbe fuori pericolo. Gratitudine da parte dei famigliari della donna per tutti soccorritori che, con grande senso di umanità e collaborazione, hanno fatto sì che nonostante le condizioni inizialmente gravi, la donna potesse cavarsela.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anziana accusa malore in spiaggia, carabiniere, personale del lido e medico la soccorrono: è salva

LeccePrima è in caricamento