Martedì, 27 Luglio 2021
Cronaca

Nulla da fare per l'anziano scomparso: ritrovato ormai morto in una campagna

Le speranze di rintracciare Cesario Lazzari, 86enne di San Cassiano, ancora in vita, si sono spente questa mattina. Forse rimasto impantanato con l'auto vicino a un suo terreno sulla strada per Botrugno, per poi essere colto da un malore

Foto di repertorio.

SAN CASSIANO – Di lui, nessuna traccia fin dalle alle 8 di ieri mattina. E, purtroppo, considerando le temperature roventi di questi giorni, ben oltre la media del periodo, e il fatto che fosse nel frattempo trascorsa un’intera notte, erano davvero poche le speranze di riuscire a rintracciare Cesario Lazzari, 86enne di San Cassiano, ancora in vita.

L’anziano, che ieri mattina si era allontanato senza cellulare con la sua Fiat Punto, è stato ritrovato, orami esanime, poco prima delle 9,30 di oggi dai carabinieri della stazione di Nociglia, i primi a essere interessati dalla vicenda, dopo denuncia di scomparsa sporta dalla famiglia. Il corpo dell’86enne è stato notato, riverso per terra, non lontano da un terreno di sua proprietà, in una zona della vasta campagna locale, all’incirca a metà strada fra l’agro di Botrugno e quello di Scorrano. Per la precisione, in località "Sciarpa", agro di Botrugno.

Si presume che Lazzari possa essere rimasto impantanato proprio con l’automobile, tant'è che questa era bloccata con le ruote nel terreno, e che per tale motivo abbia provato a ritornare a piedi, per poi però essere colto da un malore. Il cadavere, infatti, è stato rinvenuto a circa 500 metri dall'autovettura.

Non avendo con sé il cellulare, come detto, da un lato non ha potuto chiedere soccorso e dall’altro, non sapendo gli stessi familiari dove potesse essersi recato, attorno alle 13,30 di ieri, davanti a un mancato rientro, è sorto il sospetto che potesse essere accaduto qualcosa di grave all'86enne. Da qui, la segnalazione ai carabinieri della stazione di Nociglia e alla polizia locale di San Cassiano, dopo la quale è stato attivato il tavolo di coordinamento delle ricerche delle persone scomparse.

La Prefettura di Lecce, ieri, ha anche inviato una nota con tutti i riferimenti utili per i cittadini (targa dell’auto, abiti indossati, fotografia) in modo da poter subito contattare le forze dell’ordine in caso di avvistamento, ma è risultato, purtroppo, tutto inutile. Dopo l'intervento del suo stesso medico curante, chiamato sul posto per la constatazione del decesso, la salma è stata restituita alla famiglia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nulla da fare per l'anziano scomparso: ritrovato ormai morto in una campagna

LeccePrima è in caricamento