Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca

Intercettati al largo con 760 chili di marijuana e stretti nella morsa

Due brindisini e un albanese bloccati dai finanzieri a una ventina di miglia da San Cataldo. Solo a gennaio in Puglia 5 tonnellate di droga. In tutto il 2016 sono state 20

SAN CATALDO (Lecce) - Detenzione e traffico internazionale di stupefacenti. Sono i reati contesati a Oliviero Ferraro di 47 anni, Lazzaro Di Lauro, di 58 anni (entrambi brindisini) e Admir Quacaj, 31enne albanese, di Valona. I tre sono stati sorpresi nelle scorse ore dai militari della guardia di finanza a circa 20 miglia al largo di San Cataldo, marina di Lecce. Avevano un carico di circa 8 quintali di marijuana.

L’imbarcazione sulla quale viaggiavano è stata intercettata nel primo pomeriggio di ieri mentre navigava a velocità sostenuta verso le coste pugliesi. Ed è scattata una vera e propria trappola a tenaglia del Reparto operativo aeronavale di Bari e del Gruppo aeronavale di Taranto, che svolge funzioni di Centro di coordinamento locale “Frontex” per l’operazione “Triton”. Il tutto in pieno giorno, fatto piuttosto inconsueto.

I tre, a brodo di un semicabinato di 8 metri, con un potente motore fuoribordo da 225 cavalli, hanno provato a sganciarsi dagli inseguitori, ma invano. Per acquisire più velocità, si sono liberarti anche di una parte del carico, lanciandolo in mare. Ma è valso a poco. L’inseguimento delle unità aeronavali è stato piuttosto movimentato ed è finito poco dopo con l’abbordaggio, ancora in alto mare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

foto 01-5-2Il semicabinato è stato trasferito presso gli ormeggi della Sezione operativa navale della guardia di finanza di Otranto, per essere posto sotto sequestro. I tre sono stati arrestati e la marijuana recuperata. Parte era ancora a bordo, il resto è stato raccolto dalle acque. In tutto, trasportavano 43 pacchi di varie dimensioni, per un peso di 760 chili.  Il tutto, per un valore stimato di oltre 7 milioni di euro.

Intanto, in collaborazione con le autorità di polizia albanesi e con il Nucleo di frontiera marittima della guardia di finanza, di stanza a Durazzo, sono stati avviati approfondimenti investigativi per risalire all’intero sodalizio criminale che, negli ultimi tempi, ha ricominciato a inviare verso le coste pugliesi (e spesso gli interventi si sono svolti proprio nel Salento), ingenti quantitativi di droga. Organizzazioni miste, composte da soggetti italiani e albanesi, secondo dinamiche già note da decenni.

E i numeri di questo primo scorcio dell’anno sono già da brividi. Gennaio deve ancora terminare e in Puglia sono già state sequestrare oltre 5 tonnellate di marijuana dai soli finanzieri. Numeri molti alti, se si considera che in tutto il 2016 le tonnellate recuperate sono state 20.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Intercettati al largo con 760 chili di marijuana e stretti nella morsa

LeccePrima è in caricamento