Cronaca Piazza del Duomo

Irruzione di notte in una casa: con tanica di benzina appiccano le fiamme e la distruggono

Il raid intorno alle 3 di notte a San Cesario di Lecce, in via Duomo. L'abitazione era disabitata, dopo la morte dei coniugi che qui hanno vissuto per anni. Divorate dal fuoco tutte le stanze. Sul posto i vigili del fuoco. Le indagini affidate ai carabinieri. Danneggiata anche un'auto

SAN CESARIO DI LECCE – Un atto rabbioso, violento. Sconsiderato e molto pericoloso. Un gesto che avrebbe potuto generare conseguenze anche peggiori, se le fiamme non fossero state contenute dai vigili del fuoco, piombati sul posto, nel pieno centro storico di San Cesario di Lecce, nel cuore della notte con i loro mezzi per spegnere il rogo e salvare il salvabile.

Erano circa le 3, quando all’improvviso, nella piccola via Duomo, traversa di via Cepolla, le fiamme hanno iniziato a svilupparsi all’interno delle stanze di un’abitazione al civico 28. Il classico immobile vecchio stile, tutta sviluppato su un singolo piano. Una casa per il momento ancora disabitata, dopo il decesso dei coniugi che qui hanno vissuto per anni. E che non potrà essere di certo vissuta da chi l’ha ereditata, almeno fino a quando non saranno svolti lavori di restauro che, a giudicare dai danni, dovrebbero essere piuttosto costosi.

Ignoti, dunque, si sono introdotti all’interno approfittando del buio e hanno iniziato a versare benzina ovunque. Sui mobili, sui letti, sulla tappezzeria. In ogni singola camera, ovunque vi fosse un oggetto infiammabile ancora rimasto. E nel giro di pochi minuti, l’appartamento è stato letteralmente divorato dal fuoco. Nemmeno le porte esterne e gli infissi delle finestre sono stati ovviamente risparmiati dall’ira cieca del fuco. Ed ecco perché è difficile stabilire in quale punto esatto sia avvenuta l’effrazione.

Non c’è però ombra di dubbio sulla matrice dolosa, visto che nelle vicinanze posto è stata trovata una grossa tanica da 20 litri, ormai completamente svuotata del suo contenuto. L’incendio ha anche lambito la Fiat Punto di uno sfortunato residente della stessa zona, che l’aveva parcheggiata nelle vicinanze la sera precedente.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione locale e del Norm di Lecce, che hanno avviato le indagini per scoprire autori e movente, partendo dal sequestro di quella tanica. Non vi sono però telecamere di sorveglianza, in quel punto, e a quanto pare nessun residente s’è accorto di nulla, almeno fino a quando fiamme e fumo non hanno invaso la via, svegliando tutti di soprassalto e obbligandoli a chiedere con urgenza l’intervento dei pompieri, che hanno operato fin quasi alle soglie dell’alba.

La struttura, in ogni caso, non è compromessa e non rischia cedimenti. Le suppellettili sono però andate irrimediabilmente distrutte e le pareti annerite, rendendo l’aria all’interno irrespirabile.           

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Irruzione di notte in una casa: con tanica di benzina appiccano le fiamme e la distruggono

LeccePrima è in caricamento