Due autovetture in fiamme nella notte. Una è dell'ex sindaco Ezio Conte

Gli episodi, sui quali sono in corso accertamenti, si sono verificati a San Donato di Lecce e a Surbo. Indagano i carabinieri

LECCE – Due autovetture sono andate distrutte nella notte a causa di incendi. E una di queste è di Ezio Conte, in passato primo cittadino di San Donato di Lecce e oggi consigliere di minoranza. Il rogo s’è scatenato poco dopo l’una di notte. Le fiamme hanno completamente avvolto il veicolo, una Fiat 500 L. Era parcheggiata nei pressi dell’abitazione.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, con una squadra inviata dal comando provinciale. E sulla vicenda stanno ora indagando i carabinieri della stazione di San Cesario di Lecce. Si cercheranno videocamere che possano aver immortalato qualche movimento sospetto. Non vi è certezza del dolo, ma non è da escludere anche per via di una serie di episodi del passato.

5df74e93-d91c-4793-98b0-cc85d7289426-2Ezio Conte, quando vestiva la fascia di sindaco di San Donato, fu più volte vittima di atti intimidatori. Nel giugno del 2012 fu danneggiata, sempre da un incendio, l’autovettura in uso alla figlia. Ma si pensò subito che nel mirino potesse esservi lui in prima persona, per via di altri atti vandalici e intimidatori di cui era stato fatto oggetto ancor prima, come nell’ottobre del 2011, quando ignoti lanciarono pietre contro i vetri del suo ufficio, nel Municipio, e gettarono per terra un paio di colonne in pietra leccese, alte 2 metri ciascuna .

L’altro episodio, invece, è avvenuto a Surbo. Qui, in via Bignone, la prosecuzione di via Carlo Cattaneo, le fiamme hanno interessato una Fiat Punto. Anche in questo caso sono intervenuti i vigili del fuoco da Lecce. L’autovettura è di un’operaia 39enne e le cause sono in fase d’accertamento. Indagano i carabinieri della stazione di Surbo.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Un violento scontro fra due veicoli: feriti entrambi i conducenti

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Dopo la confisca, “testa di legno” per ditta in odor di mafia: sigilli a patrimonio dei De Lorenzis

  • I pacchi? In casa della postina infedele. E il figlio scovato con la droga

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

Torna su
LeccePrima è in caricamento