Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

Nel negozio di alimentari aveva 9 chili di marijuana, condannato il gestore

Due anni e otto mesi ad Andrea Petrachi, 46enne di Melendugno. L'uomo era stato arrestato nel novembre scorso dai finanzieri. La sostanza stupefacente era nascosta fra gli scaffali del suo negozio, nella marina di San Foca

Foto di repertorio.

LECCE – Era un insospettabile gestore di un negozio di alimentari a San foca, una delle località balneari più affollate nei mesi estivi. In un grigio pomeriggio di fine novembre, quando la piccola marina del comune di Melendugno è pressoché deserta (a parte qualche solitario viandante e pochi temerari ciclisti), la storia personale di Andrea Petrachi, 46enne di Melendugno, cambiò improvvisamente. Per lui, infatti, di lì a poco si sarebbero aperte le porte del carcere di Lecce. Il piccolo imprenditore finì nella rete della guardia di finanza poco dopo aver sollevato la saracinesca della sua attività commerciale, e fu trovato in possesso di poco meno di 9 chilogrammi di marijuana. L’operazione fu condotta dai finanzieri del nucleo di polizia tributaria di Lecce.

Oggi, dinanzi al gup Giovanni gallo, il 46enne, assistito dall’avvocato Massimiliano Petrachi, è stato giudicato con il rito abbreviato. L’imputato è stato condannato al minimo della pena per il reato contestato: due anni e otto mesi di reclusione. Una sentenza mite anche in virtù, come ha sottolineato il suo legale nell’arringa difensiva, del fatto che l’imputato (già ai domiciliari da qualche tempo) fosse incensurato, e che lo stesso abbia sempre negato ogni addebito, spiegando che il negozio era accessibile anche ad altre persone. Il pubblico ministero Donatina Buffelli aveva chiesto una pena pari a quattro anni.

Foto-103-35Nel corso dell’operazione i militari furono insospettiti dall’atteggiamento circospetto dell’uomo e soprattutto per il fatto, che ritennero decisamente insolito, vista la stagione e le condizioni meteorologiche non proprio favorevoli, che stesse aprendo il suo negozio di generi alimentari. Un esercizio commerciale attivo per lo più durante il periodo estivo.

Nervoso per quell’inattesa visita, Petrachi avrebbe fornito risposte fin troppo evasive alle domande dei militari. E quando scattò l’ispezione, in una scatola di cartone, riposta su una scaffalatura in muratura, i finanzieri trovarono nove involucri assicurati con nastro da imballaggio. Dentro c’erano, in tutto, 8,8 chilogrammi di marijuana. La sostanza, se immessa sul mercato, avrebbe fruttato circa 10 mila euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nel negozio di alimentari aveva 9 chili di marijuana, condannato il gestore

LeccePrima è in caricamento