Vasto rogo, le fiamme si propagano nel canneto nella palude di Cassano

L'incendio è iniziato in serata e a tarda ora non era ancora stato spento dai vigili del fuoco. La pineta non è stata intaccata

SAN FOCA – Un vasto incendio s’è propagato questa sera nell’entroterra fra San Foca e Torre Specchia Ruggeri, marine di Melendugno, nella zona nota come la palude di Cassano. Si tratta di un’area molto vasta, composta principalmente da canneto (la cosiddetta cannuccia di palude), piuttosto distante dalla costa. Proprio nelle vicinanze si trova il cantiere in cui si sta realizzando il pozzo di spinta del consorzio Tap.

Il rogo si è sviluppato in prima serata, attorno alle 20. Le fiamme sono state domate circa tre ore dopo. Sul posto sono intervenute due squadre di vigili del fuoco da Lecce, che sono riusciti a contenere il fronte, impedendo sia che arrivasse verso la pineta della fascia costiera (che quindi non è stata intaccata), sia troppo vicino al cantiere.

Video: le fiamme nel canneto della palude

Trattandosi di una zona acquitrinosa, le operazioni di spegnimento non sono però semplici e richiederanno probabilmente altre dure ore di lavoro. Tuttavia, essendo stato il rogo isolato, è destinato a soffocare nel perimetro della palude.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul posto anche agenti di polizia locale di Melendugno e del Reparto prevenzione crimine della Questura di Lecce. Molto ampia l’area colpita dalle fiamme. Al buio è stato difficile anche quantificare gli ettari. La vicenda ha suscitato ovvia apprensione, specie nel timore che le fiamme potessero estendersi in zone abitate. Da chiarire anche l’origine del rogo. Fra le altre cose, sono andati distrutti diversi appostamenti e sentieri usati dai cacciatori, impiegando la vegetazione della zona. Erano stati realizzati nell'arco dell'estate in vista dell'attività venatoria. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Giovane turista fa il bagno e sul fondale ritrova bacino in ceramica del XIV secolo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento