Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

"Disperso in mare". Ricerche forsennate, ma è un vero mistero

Sommozzatori dei vigili del fuoco e un elicottero, guardia costiera con la motovedetta, e poi indagini a terra. Ma di un bagnante in difficoltà segnalato da un bagnino, non c'è traccia. E nemmeno una denuncia di scomparsa

SAN GREGORIO – L’avvistamento risale alle 17 circa. E’ stato un giovane bagnino, dalla baia, nei pressi della Scalinata Messapica, a scorgere quella che gli è parsa la sagoma di un uomo in mare. Pare abbia anche inforcato un binocolo per osservare meglio tra i flutti. Qualcuno che annaspava, dunque, e quella che sembrava, sbracciandosi, l’inequivocabile richiesta d’aiuto. Al tentativo di raggiungerlo, però, nulla. Di quell’uomo nessuna traccia nello specchio d’acqua.

Nasce così, da una segnalazione, quello che è per il momento un vero e proprio rompicapo. La zona è San Gregorio, marina di Patù, nei pressi del varo delle barche. L’avvistamento, a una distanza di circa 400 metri dalla costa. E’ partita un’imponente macchina di ricerche in mare e dal cielo, ma anche di accertamenti a terra. Al momento, infatti, non vi sarebbe alcuna denuncia di scomparsa, nemmeno un reclamo informale per l’assenza prolungata di qualcuno da casa. Il che alimenta il mistero. Alcuna informazione in merito è giunta nemmeno ai carabinieri dipendenti dalla compagnia di Tricase.

Di certo, le forze in campo non si stanno risparmiando. In mare si è recata una motovedetta della guardia costiera di Santa Maria di Leuca, la Cp 886. Nulla. Sul posto sono giunti anche i vigili del fuoco con più mezzi. Un elicottero è stato inviato dal Nucleo di Bari a perlustrare lo specchio di mare finché il sole ha permesso una discreta visibilità. Niente. A San Gregorio sono arrivati anche i sommozzatori del Nucleo di stanza a Brindisi. Hanno fatto alcune immersioni, ma senza esito. Sul litorale, presente una squadra d’appoggio.

Le ricerche, ovviamente, non terminano qui, con l’arrivo dell’oscurità. Alle 21, ogni attività è stata sospesa. Mentre proseguono le indagini a terra, in cerca di qualche elemento utile (non sarebbe stato un sub con muta, quello visto, ma un più comune bagnante), domani mattina all’alba, i sommozzatori dei vigili del fuoco, questa volta provenienti da Bari per dare il cambio ai colleghi, e le motovedette della guardia costiera, riprenderanno i loro sondaggi.     

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Disperso in mare". Ricerche forsennate, ma è un vero mistero

LeccePrima è in caricamento