Molestie ad adolescenti, sorpreso in piena piazza dai testimoni: chiuse le indagini

Erminio Fuso, pensionato di Sannicola, è accusato di molestie sessuali subite da una coppia di gemelli adolescenti. Fu arrestato dopo essere stato sorpreso da alcuni cittadini, che avvisarono il padre. Archiviate altre ipotesi di reato di estorsione e minaccia ai danni di un parente dell'uomo

La piazza di Sannicola.

LECCE – La Procura ha chiuso le indagini nella triste e dolorosa vicenda che ruota attorno alla figura di Erminio Fuso, pensionato 62enne di Sannicola accusato di presunte molestie sessuali subite da una coppia di gemelli adolescenti. Molestie che le piccole vittime hanno poi confermato nel corso dell’incidente probatorio dinanzi al gip Cinzia Vergine.

A dare avvio alle indagini la denuncia del padre delle giovani vittime. A luglio scorso il 62enne si sarebbe avvicinato a un ragazzino di 17 anni, nel pieno centro del paese che sorge a pochi chilometri da Gallipoli, in piazza della Repubblica, ed avrebbe iniziato a molestarlo con palpeggiamenti, arrivando anche ad atti di autoerotismo. La scena, però, non sfuggì ad alcuni passanti. Qualcuno fra loro, conoscendo il padre del ragazzo, lo contattò telefonicamente per raccontargli quanto stava avvenendo.

L’uomo raggiunse pochi minuti dopo la piazza, e chiamò i carabinieri che fermarono il 62enne, conducendolo in caserma per i necessari approfondimenti. In caserma furono anche ascoltati i vari testimoni, che confermarono le gravi accuse. Il padre del ragazzo denunciò il pensionato, che fu dunque arrestato e condotto nel carcere di Borgo San Nicola.

fuso erminio-3Le indagini dei militari dell’Arma, coordinate dal sostituto procuratore Stefania Mininni, hanno fatto emergere una situazione complessa e degradata. Archiviate altre ipotesi di reato di estorsione e minaccia ai danni di un parente dell’uomo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’indagato ha ora venti giorni per chiedere di essere sentito, acquisire gli atti processuali e presentare memorie difensive. Poi il pubblico ministero valuterà la richiesta di rinvio a giudizio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica alba, podista viene travolto da un furgone: morto sul colpo

  • Ladri nell’alloggio della caserma, rubata pistola d’ordinanza con caricatore

  • Palpeggia ragazza, inseguito dal padre perde il cellulare. E viene identificato

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento