Rimossi gli abusi, scatta il dissequestro per l'area del Lido dell'Ancora

Accolta l'istanza presentata dai legali di concessionario e gestore per l'attività che sorge a Sant'Isidoro, marina di Nardò

SANT’ISIDORDO – Il pubblico ministero Roberta Licci ha accolto l’istanza di riduzione in pristino (cioè, di riportare la situazione com’era prima delle variazioni) presentata dai legali difensori di concessionario e gestore del Lido dell’Ancora di Sant’Isidoro, marina di Nardò, nei confronti del quale a fine luglio era scattato il sequestro per alcune difformità rilevate. 

I militari della guarda costiera dell’ufficio marittimo di Torre Cesarea e di Gallipoli, durante un controllo, avevano contestato l’esistenza di opere realizzate in parziale difformità rispetto alle autorizzazioni e in violazione delle norme edilizie e paesaggistiche, rilevando anche l’esistenza di un muretto di delimitazione con recinzione e la copertura di un’area pari a 20 metri quadri asservita alle docce, opere, queste, abusive. Era emersa anche l’occupazione abusiva di una porzione di demanio marittimo (75 metri quadrati) con tavoli e divanetti per i clienti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Pannelli di 20 centimetri, divanetti e tavoli, copertura in cannucciato, tutto è stato rimosso. L’area sulla quale erano scattati i sigilli è stata quindi restituita. Il concessionario è difeso dagli avvocati Massimo Zecca e Paolo Gaballo, il gestore dagli avvocati Danilo Lorenzo e Giovanni Marzano.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica alba, podista viene travolto da un furgone: morto sul colpo

  • Ladri nell’alloggio della caserma, rubata pistola d’ordinanza con caricatore

  • Palpeggia ragazza, inseguito dal padre perde il cellulare. E viene identificato

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

  • Covid, sei positivi in provincia di Lecce. Rollo: “Presenti in via temporanea”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento