rotate-mobile
Domenica, 16 Gennaio 2022
Cronaca Nardò

Arrivano nel porticciolo nell'alba gelida, fra i migranti anche bimbi molto piccoli

In quindici, partiti dalla Turchia, sono stati rintracciati a Santa Maria al Bagno. Anche un neonato e una bimba di 1 anno nel gruppo giunto con una piccola barca a vela e che ha fatto la spola con un tender per raggiungere terra. E un bar ha aperto le porte per permettere loro di riscaldarsi e rifocillarsi

SANTA MARIA AL BAGNO – Mare placido, ma notte gelida. Il sole non era ancora nemmeno un pallido chiarore all’orizzonte, quando una piccola barca a vela ha fatto ingresso nel porticciolo di Santa Maria al Bagno. Poi, in acqua è stato calato un tender e da lì, pian piano, facendo la spola, sono scesi tutti a terra. Quindici migranti, fra cui famiglie con bambini molto piccoli al seguito, persino un maschietto neonato.

Dopo interminabili giorni di pioggia, tramontana sferzante e coste rotte dalle onde, condizioni che hanno reso impossibile la navigazione, un nuovo sbarco avvenuto poco prima dell’alba di oggi sembra la spia di una ripresa dei viaggi verso i litorali salentini.

Video | L'avvistamento davanti al porticciolo

Fra i primi ad arrivare sul posto, dopo alcune segnalazioni di pescatori, militari della guardia di finanza. Subito dopo, sono stati inviate auto di pattuglia del commissariato di Nardò e dei carabinieri. Bisognava capire se altri migranti, magari già scesi a terra, si fossero allontanati. A quanto pare, non vi sono però stati ulteriori rintracci.

Migranti turchi sbarcano sul litorale neretino

Tutti turchi, partiti nei giorni scorsi da Smirne (stando ai loro racconti, il 20 novembre), i migranti sono stati accolti dagli operatori della Croce rossa italiana, i quali si sono sincerati delle loro condizioni di salute. In attesa dell’arrivo del pullman che li avrebbe trasportati verso il centro di prima accoglienza, i titolari del bar Camera Cafè 2 hanno aperto le porte del locale per consentire al gruppo di riscaldarsi e rifocillarsi dopo la fatica della traversata.

In tutto, come detto, si tratta di quindici persone: nove uomini, tre donne, una ragazzina di 13 anni, una bimba di 1 anno e, appunto, un neonato. Al momento, non sono stati individuati scafisti. Le indagini sono ora affidate al pool interforze istituito dalla Procura di Lecce.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arrivano nel porticciolo nell'alba gelida, fra i migranti anche bimbi molto piccoli

LeccePrima è in caricamento