Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca

Due sbarchi in poche ore. In 26 approdano nel Capo di Leuca: preso lo scafista

Un primo gruppo, composto da dieci individui di nazionalità somala, è stato fermato nella serata di ieri. Tre uomini e undici donne, inoltre, tutti somali, hanno raggiunto il basso Salento a bordo di un gommone. Le indagini nelle mani dei carabinieri di Tricase e della guardia di finanza

Il mezzo della guardia di finanza di Otranto

ANDRANO – Due sbarchi in poche ore. Il primo, nella tarda serata di ieri, è avvenuto al largo di Marina Serra. Un gruppo composto da un uomo e undici donne, tutti di nazionalità somala, è stato rintracciato a piedi tra la costa e Tiggiano dai carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Tricase. I migranti, fortunatamente, in buono stato di salute, sono stati sottoposti a visite mediche e poi accompagnati presso il centro Don Tonino Bello di Otranto.

Sul litorale di Andrano, inoltre, quattordici uomini, tutti adulti e di nazionalità siriana, sono stati visti approdare all’alba, a bordo di un gommone lungo dieci metri, ora finito sotto sequestro e trainato del porto della Città dei Martiri.  Il primo gruppo è stato notato dai militari delle fiamme gialle, un secondo, di cinque persone, è stato invece fermato dai carabinieri della stazione di Spongano.

FOTO 04-3I  militari della guardia di finanza di Otranto, assieme ai colleghi del Gruppo Areonavale di Taranto e al Reparto operativo aeronavale di Bari, hanno notato il natante a luci spente, che procedeva in maniera sospetta, cambiando continuamente rotta nelle acque ioniche.  Durante le operazioni di salvataggio e soccorso ai cittadini stranieri, effettuate a terra soltanto per tutelare i passeggeri del gommone, hanno anche identificato il presunto responsabile di questa seconda traversata: si tratta di Giuseppe Ferente, originario di Brindisi, di 32 anni, e noto alle forze dell'ordine, è ora interrogato dai militari. 

GUARDA IL VIDEO

E' stato il primo a scendere dall'imbarcazione e, alla vista delle forze dell'ordine, ha tentato la fuga, per poi essere braccato immediatamente. Assieme a lui, vi sarebbero altri due complici. Indagini in corso per chiarire la responsabilità e identificare eventuali altri responsabili. La motovedetta dell’Ufficio locale marittimo di Santa Maria di Leuca sta perlustrando la zona, per riscontrare eventuali movimenti sospetti da parte di altri scafisti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Due sbarchi in poche ore. In 26 approdano nel Capo di Leuca: preso lo scafista

LeccePrima è in caricamento