Cronaca Centro / Viale dell'Università

Scappa dal locale con 500 euro, la commessa la insegue e la fa bloccare

Il furto dentro "Zenzero". La donna aiutata da due agenti di polizia locale de Nucleo Dec. Addosso aveva anche stupefacenti

LECCE – Dopo un furto subito, la commessa è stata caparbia nel pedinare quella ragazza per quasi un’ora, perdendola di vista e poi ritrovandola quando, nel frattempo, aveva raggiunto un giovane più grande d’età. Ed è stata anche fortunata, perché sul suo cammino, s’è imbattuta in due agenti di polizia locale del Nucleo Dec.

Il Nucleo in questione si occupa principalmente di materia ambientale e, fra l’altro, ha il compito di verificare che la raccolta differenziata sia svolta bene da parte di cittadini degli operatori. Insomma, è stato un fuoriprogramma anche per loro, quando sono stati chiamati a dare manforte per bloccare quei due giovani, entrambi della provincia, lei 20enne e lui 36enne, senza fissa dimora e che a Lecce si arrangiano vivendo di espedienti.

Tutto è cominciato intorno alle 15, quando la giovane s’è presentata all’interno del ristorante vegano “Zenzero” di viale dell’Università. O meglio, più che presentarsi, s’è letteralmente fiondata all’interno, senza dire una parola, e infilandosi in bagno. La cassa è proprio nelle vicinanze. In quel momento la commessa era sola, perché la proprietaria era uscita qualche minuto. Ha subito fiutato l'anomalia, spiegandole che non era certo quello il modo di fare irruzione in un locale. Per tutta risposta, pare che la 20enne si sia messa a urlare e, nella concitazione del momento, abbia approfittato per sfilare circa 500 euro da un borsello collocato nel registratore di cassa.

La commessa se n’è però accorta, ma nel frattempo la giovane è uscita di corsa. Bloccata una prima volta, la ragazza le ha gettato 50 euro sostenendo di avere solo quei soldi. Poi, ha ripreso il largo, nel frattempo raggiunta dal 36enne. La derubata ha continuato seguirli, perdendoli di vista per poi rintracciarli nuovamente nel centro storico. Lì, s’è messa anche in contatto telefonico con la proprietaria del locale, comunicando la posizione in modo da riferirla ai carabinieri.

Proprio in quel momento, la commessa ha anche visto i due agenti di polizia locale e gli ha chiesto aiuto. I due, ovviamente, non ci hanno pensato un attimo e hanno fermato i giovani prima che fuggissero definitivamente. Pochi minuti dopo, sono arrivati anche i carabinieri della stazione di Santa Rosa.

Condotti in caserma per accertamenti e perquisizioni, qui la 20enne ha tentato la mossa disperata: sperando di non essere vista, ha lasciato cadere tutto quello che aveva in tasca nell’aiuola. Che, però, è stato notato e recuperato. E non c’erano solo i soldi rubati, ma – sorpresa – anche 11 grammi di hashish circa, altri 4, presumibilmente di cocaina e almeno sette o otto pietruzze, forse altro stupefacente. Alla fine è stata denunciata solo la ragazza. Il 36enne, che non avrebbe partecipato al furto, non aveva nulla di particolare, addosso, a parte 150 euro circa che, ha spiegato, sarebbero soldi ricavati negli ultimi tempi dalle elemosine.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scappa dal locale con 500 euro, la commessa la insegue e la fa bloccare

LeccePrima è in caricamento