Giovedì, 16 Settembre 2021
Cronaca

Scappò dai domiciliari e rapinò una banca: condannato a 4 anni di reclusione

La sentenza del gup Maritati per Ivan Pedone, reo confesso del colpo nell’istituto di viale Japigia, il 12 dicembre scorso. Fermato, il 40enne rivelò: “Dovevo saldare un debito di droga”

LECCE - Evase dai domiciliari per mettere a segno una rapina in banca da 11mila euro, necessari a pagare debiti di droga. Di quella somma sottratta alla Banca Popolare di Puglia e Basilicata di Lecce, in viale Japigia, il 12 dicembre scorso, non fu recuperato neppure un centesimo, ma la giustizia ha presentato il conto al responsabile.

Quattro anni di reclusione è la pena inflitta ieri dal gup Alcide Maritati a Ivan Pedone, leccese di 40 anni. La sentenza è stata emessa al termine del processo discusso col rito abbreviato e durante il quale il pubblico ministero Francesca Miglietta aveva chiesto una condanna a sei anni e mezzo.

L’uomo, individuato dalla polizia subito dopo il colpo nell’istituto di credito, dove fece irruzione armato di taglierino, ammise sin da subito le proprie responsabilità.

Era difeso dall'avvocato Massimiliano Petrachi. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scappò dai domiciliari e rapinò una banca: condannato a 4 anni di reclusione

LeccePrima è in caricamento