Cronaca

Scarcerati i due putignanesi, tornano liberi ma con l'obbligo di dimora

Davide Pagliarulo, 23enne, e Pietro Tarantelli, 20enne, erano stati fermati con sostanze dai carabinieri nel Salento

LECCE – S’è svolta ieri l’udienza di convalida per il caso di Davide Pagliarulo, 23enne, e Pietro Tarantelli, 20enne, entrambi operai di Putignano, arrestati lo scorso week-end sulla riviera adriatica. I giovani erano stati fermati dai carabinieri della compagnia di Maglie, nei pressi di una discoteca, con quattro dosi di cocaina per 5 grammi, 1 grammo e mezzo di marijuana, e 130 euro, soldi sequestrati, poiché ritenuti possibile provento di spaccio, e materiale ritenuto utile per il confezionamento.

I due, su disposizione del pm di turno, Roberta Licci, erano stati sottoposti agli arresti domiciliari in un camping di Gallipoli, dove avevano trovato soggiorno per il periodo estivo nel corso della loro vacanza nel Salento, spostandosi per il sabato notte verso la zona di Otranto.

Nel corso dell’udienza, il pm aveva chiesto che fosse protratta la permanenza ai domiciliari. Il gip Simona Panzera, convalidando l’arresto, ha invece disposto la scarcerazione e l’obbligo di dimora presso la loro città di residenza (dalla quela, dunque, per ora non si possono spostare). I due giovani erano difesi dall’avvocato di fiducia, Gianluca Miano, il quale rileva che nessuno dei due sarebbe stato notato cedere sostanze a terzi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scarcerati i due putignanesi, tornano liberi ma con l'obbligo di dimora

LeccePrima è in caricamento