Cronaca

Schiaffi, minacce e bestemmie: così la maestra "accudiva" i bambini

Chiuse le indagini preliminari a carico di una 51enne di Alezio. I casi si sono verificati in una scuola primaria Tuglie

TUGLIE – Un’insegnante della scuola primaria sotto i riflettori della Procura. Ha 51 anni, è di Alezio. E avrebbe agito verso i bambini di età fra i 3 e i 5 anni in modi autoritari e persino offensivi. Con la chiusura delle indagini preliminari a suo carico e l'attuale richiesta di rinvio a giudizio, ora rischia di finire sotto processo. Sarà il gup Antonia Martalò a decidere.

Una delle tante storie italiane e che questa volta giunge dal Salento. Da Tuglie, per la precisione, dove ha sede la scuola. Davanti ai bimbi, avrebbe persino bestemmiato apertamente. E poi minacce, sculacciate, strattoni. Questo sarebbe stato il modo per mantenere l’ordine. Provocando l’effetto opposto.

(Il video)

I genitori, nelle loro denunce (era stata iscritta nel registro degli indagati ai primi di giugno) avevano riferito di veri e propri cambiamenti nell’umore. Alcuni sarebbero arrivati a fare pipì involontariamente. E se l’espressione farsela addosso, altro non significa che “avere paura”, è tutto dire.

Qualche episodio? Un maschietto sarebbe stato minacciato di essere appeso al lampadario. Altri sarebbero stati messi in soggezione con urla e bestemmie a voce alta. Un altro ancora, prima intimidito di essere preso a schiaffi con la mano sollevata, poi acciuffato di peso e preso a sculacciate. Solo per citare alcuni casi. Molte di queste vicende risalgono alla fine del 2014.

Le indagini, affidate ai carabinieri della stazione di Sannicola, sono state eseguite avvalendosi anche di immagini di telecamere. Un video con alcuni estratti, ora è stato diffuso dai carabinieri del comando provinciale di Lecce. La donna è difesa dagli avvocati Rocco Vincenti e Lanfranco Leo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Schiaffi, minacce e bestemmie: così la maestra "accudiva" i bambini

LeccePrima è in caricamento