menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scipparono avvocatessa in vacanza, saranno giudicati in abbreviato

Sabrina Citiso, 50 anni e Francesco De Spoto, di 48, rispondono di rapina in concorso. I fatti avvennero in centro ad agosto

LECCE – Saranno giudicati con il rito abbreviato Sabrina Citiso, 50 anni e Francesco De Spoto, di 48, autori di uno scippo avvenuto in estate a Lecce, ai danni di un’avvocatessa 51enne di Galatone, ma residente a Bologna e che in quei giorni era rientrata nel Salento per le vacanze. Il gip Alcide Maritati ha accolto le richieste di entrambi, difesi dagli avvocati Giuseppe Corleto e Luciano De Francesco. La vittima si è costituita parte civile con l’avvocato Federico Martella. La discussione si terrà l’8 marzo del 2018.

Erano le 22,30 del 18 agosto, quando i due, entrambi leccesi, furono bloccati dagli agenti di polizia della sezione volanti. Stando alle ricostruzioni, la coppia seguì vittima in via Cesare Battisti, fino all’angolo con la circonvallazione, per strapparle la borsa. La donna tentò di non farsi strappare la borsa, ma Sabrina Citiso la colpì con pugni e graffi, trascinando la malcapitata per terra.

De Spoto era nelle vicinanze, a bordo di una Lancia Y bordeaux. Fortunatamente un giovane notò la scena e chiamò il 113, fermandosi poi a soccorrere l’avvocatessa. Gli agenti, intanto, trovarono l’autovettura nel giro di pochi minuti e bloccarono i due, arrestandoli con l’accusa di rapina in concorso. Il 48enne, peraltro all’epica in prova ai servizi sociali, fu anche denunciato per inosservanza agli obblighi imposti dalla misura e per resistenza e minacce a pubblico ufficiale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento