Cronaca

Scippi seriali: lui parla, lei non risponde al giudice

Si è svolto oggi dinanzi al gip Lariccia l'interrogatorio di Armando De Benedittis e Vanessa Leone. Parziali ammissioni da parte dell'uomo, mentre la donna s'è avvalsa della facoltà di non rispondere

scippo1

LECCE - Si è svolto oggi, dinanzi al gip Nicola Lariccia, l'interrogatorio di garanzia di Armando De Benedittis, 40enne di San Donaci, e Vanessa Leone, 21enne di San Pancrazio Salentino, i due presunti "scippatori seriali" arrestati venerdì notte dai carabinieri della compagnia di Campi Salentina. Quattro gli episodi contestati dagli inquirenti nell'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa nei loro confronti, compiuti ai danni di anziane donne dei comuni a nord del capoluogo salentino.

De Benedettis, pluripregiudicato, assistito dall'avvocato massimo Renna, avrebbe rilasciato solo parziali ammissioni di colpa riguardo ad alcuni degli episodi contestati. La donna, Vanessa Leone, 21enne, si è invece avvalsa della facoltà di non rispondere. I due giovani, conviventi nel brindisino, sarebbero per i carabinieri della compagnia di Campi Salentina, i possibili autori di molti più furti con strappo di quanti realmente contestati: almeno tredici.


Alcuni particolari ricondurrebbero a loro, e, tuttavia, al momento non vi sarebbero prove concrete (https://www.lecceprima.it/articolo.asp?articolo=30552). Gli episodi per i quali i militari sono certi di un loro coinvolgimento, si sono verificati a Novoli, Campi Salentina, Trepuzzi e Carmiano, tutti in un arco temporale di pochi giorni, dal 12 agosto al 1° ottobre.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scippi seriali: lui parla, lei non risponde al giudice

LeccePrima è in caricamento