Mercoledì, 16 Giugno 2021
Cronaca

Scommesse: gara già iniziata, niente soldi. Ed ora si va al braccio di ferro

Protagonista del caso un 45enne di Gallipoli, che lo scorso 10 dicembre ha effettuato sette giocate vincenti. E ora ha chiesto il risarcimento

@TM News/Infophoto

LECCE – Non importa se una o più partite in programma erano già iniziate, se il totalizzatore la dava valida, lo scommettitore ha vinto ed Eurobet ora gli deve versare la somma.

Protagonista del singolare caso, che interessa in realtà i tantissimi scommettitori salentini, un 45enne di Gallipoli, che lo scorso 10 dicembre ha effettuato sette scommesse. Le giocate, tutte vincenti, gli hanno fruttato una vincita complessiva di 4550,18 euro, inizialmente accreditata e poi stornata. A sostegno del mancato pagamento, Eurobet ha sostenuto che una delle gare su cui il cliente aveva posto le sue puntate era già iniziata al momento della scommessa. Pertanto, niente soldi, nonostante il cosiddetto totalizzatore la desse come non iniziata e quindi regolarmente giocata.

Il 45enne si è rivolto a un legale, l’avvocato Stefano Stefanelli, per intraprendere una battaglia legale per ottenere la vincita. L’avvocato Stefanelli ha evidenziato come, in un caso analogo, il giudice di pace di Lecce, Franco Giustizieri, ha riconosciuto le ragioni di un altro scommettitore sportivo, condannando la società al versamento delle somme non corrisposte da un’agenzia locale.

Il gdp ha evidenziato che ai sensi della normativa nazionale e in particolare del decreto 111 del 2004 (articolo 1, lettera b) “il momento in cui Aams dichiara chiuse le scommesse il totalizzatore nazionale non viene più abilitato ad accettare giocate” e, dall’altro, che, ai sensi della successiva lettera p, la “ricevuta di partecipazione, il titolo che garantisce l’avvenuta registrazione della scommessa nel totalizzatore nazionale e che costituisce, in caso di vincita o di rimborso”, è “l’unico titolo al portatore valido per la riscossione degli stessi”.

Inoltre, “in tema di programma ufficiale […], l’orario di riferimento, ai fini delle scommesse, è quello del totalizzatore nazionale”. Infine, ha concluso che in tema di validità delle scommesse e dei risultati, l’articolo 6 dispone che “sono considerate valide le scommesse regolarmente accettate e registrate dal totalizzatore nazionale”. Eurobet potrebbe quindi dover versare la cifra con gli interessi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scommesse: gara già iniziata, niente soldi. Ed ora si va al braccio di ferro

LeccePrima è in caricamento