Cronaca

Scontro fra auto e frontale con scooter: grave 15enne

Maglie: operato per una ferita con profonda emorragia un giovane che viaggiava su uno Yamaha 50. Violento l'impatto con una Punto, toccata da un'auto che usciva da un parcheggio. Prognosi riservata

Non si sono ancora spenti gli echi della doppia tragedia che ha colpito Lecce e Nardò, con due decessi avvenuti all'alba di sabato, che già le strade del Salento tornano purtroppo ad essere segnate da una nuova scia di sangue. E' accaduto a Maglie, in prima serata. Un ragazzo non ancora 15enne, G.M., è ora ricoverato in gravi condizioni presso l'ospedale di Scorrano, dove è stato trasportato per un intervento d'urgenza. Molto violento lo scontro frontale avvenuto con un'auto, che gli ha causato un profondo taglio ad un'arteria femorale. La conseguenza, un'intensa emorragia in una zona vitale dell'organismo che ha obbligato i medici ad agire con tempestività per ricucire il taglio. Al momento la prognosi è riservata.

La fortuna del giovanissimo magliese è stata senz'altro quella di avere indosso il casco, che ha impedito conseguenze ancor più gravi. L'impatto è avvenuto poco prima delle 20 fra via Togliatti e via Palach. Il centauro era alla guida del suo scooter Yamaha 50 e dietro di sé aveva un'amica, che non ha subito conseguenze gravi, quando all'improvviso s'è verificato l'impatto, quasi frontale, con una Fiat Punto condotta da Giuseppe Monosi, di 76 anni, anch'egli rimasto lievemente ferito. Immediati i soccorsi, da parte di personale del 118, che ha compreso subito la gravità delle condizioni del 15enne, tamponandogli la ferita e partendo a sirene spiegate verso il nosocomio di Scorrano.

Sul posto sono intervenute per i rilievi pattuglie della polizia municipale e dei carabinieri della compagnia locale, che stanno ricostruendo la dinamica. Secondo i primi accertamenti, la Punto guidata da Monosi avrebbe subito una brusca virata verso sinistra nel momento in cui sarebbe stata toccata da un'altra auto (allontanatasi però rapidamente dal luogo dell'incidente e non identificata con certezza), che usciva in retromarcia da un parcheggio a spina di pesce. Il 76enne, a quel punto, avrebbe sterzato d'istinto, non avvedendosi però del fatto che di fronte, proprio in quel momento, sopraggiungeva lo scooter con i due ragazzi a bordo. E a quel punto, è stato troppo tardi per qualsiasi altra manovra.

Una tragedia questa volta sfiorata, avvenuta ancora una volta nel pieno centro di una città, come già successo nel capoluogo nell'impatto fra la sua Atos ed un palo del nascente filobus in cui ha perso la vita un 35enne molto conosciuto, Antonio Lala, i cui funerali si sono svolti oggi alle 15,30 presso la chiesa di San Sabino. Quasi a dimostrazione del fatto che le vie cittadine possono celare trappole pericolose, a volte più delle statali o di certe malmesse provinciali.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scontro fra auto e frontale con scooter: grave 15enne

LeccePrima è in caricamento