“Battaglia” ultras in autostrada: novanta identificati, scattano le prime denunce

Un leccese e tre baresi i primi deferiti, ma le indagini della Digos vanno avanti. L'episodio ieri sull'A16 durante quando le due tifoserie si sono incrociate

Il materiale sequestrato dalla Digos di Bari.

BARI – Oltre novanta identificati e per tre già le prime denunce. Sulla surreale vicenda di ieri sull’autostrada A16, dove si sono incrociate le tifoserie del Bari e del Lecce e si è arrivati a uno scontro di tale violenza, da portare a un pullmino in fiamme usando fumogeni e ad altri danneggiati, sta indagando in queste ore la Digos del capoluogo pugliese.  

Rispondono di porto senza giustificato motivo di oggetti atti ad offendere, un tifoso leccese di 35 anni e tre tifosi baresi di età compresa tra i 39 e i 58 anni. Uno di questi era pregiudicato per reati da stadio, già sottoposto a Daspo. Questo, per via di quanto ritrovato addosso.

Durante una serie di perquisizioni, infatti, sono stati sequestrati due mazze da baseball, due manganelli (di cui uno in legno), un taglierino, due paia di guanti, uno scaldacollo riportante il logo di uno noto gruppo ultras barese, una frusta costituita da tre anime in ferro e la parte riflettente di uno specchietto retrovisore. Sono in corso approfondimenti per verificare se i quattro abbiano anche concretamente partecipato alla “battaglia”.

7e4dbea5-4965-4609-ba23-b839994c44a1-2Lo scontro, come noto, è avvenuto verso le 12,15 di ieri al chilometro 153 dell’Autostrada A16, in careggiata Sud. Accertamenti sono poi avvenuti presso i due caselli autostradali di Bari, presso i club dei tifosi del Bari e i luoghi di abituale ritrovo di questi ultimi, per intercettare e identificare eventuali partecipanti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le due tifoserie sono venute a contatto mentre percorrevano lo stesso tragitto autostradale. I biancorossi erano diretti a Castellamare di Stabia per l’incontro Cavese-Bari, i giallorossi nella Capitale per Roma-Lecce. I controlli, come detto, hanno consentito di identificare, al momento, una novantina di tifosi, alcuni dei quali con visibili ferite al capo, fra coloro che alla fine non si sono più recati a seguire le rispettive gare di calcio, oltre a sequestrare una serie i già citati oggetti contundenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, aumentano i tamponi. Sono 611 i nuovi positivi e quindici i contagi nel Leccese

  • Dpcm, la protesta nasce pacifica in centro. Ma poi partono gli scontri

  • Virus, stabile l’andamento del contagio. Picco di 43 casi nel Salento

  • La ministra dell'Istruzione boccia Emiliano: "La Puglia riapra le scuole"

  • Il virus avanza in Puglia, Lopalco: “Si delinea uno scenario preoccupante”

  • Aggressione furibonda a colpi di martello: lui in ospedale, i cognati in arresto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento