Scoppia il petardo e 25enne perde la mano sinistra

Sfiorata la tragedia a Martignano nel pomeriggio. E' la prima vittima del tradizionale quanto mai discutibile acquisto di botti artigianali senza alcuna garanzia che accompagna le feste natalizie

promto_soccorso_fazzi-4
MARTIGNANO - Oltre a perdere la mano sinistra, disintegratasi in seguito alla deflagrazione di un micidiale petardo classificato tra quelli illegali e pericolosi, ora rischia anche una denuncia per detenzione illegale di materiale esplosivo.

E' accaduto a Martignano intorno alle 17.30 ed è la prima vittima del tradizionale quanto mai discutibile acquisto di botti artigianali senza alcuna garanzia che accompagna le feste natalizie. Si tratta di un ragazzo di appena a 25 anni, Domenico Sergio, che non ha fatto in tempo ad disfarsi della cosiddetta "cipolla Bin Laden" dopo avere innescato la miccia per ottenere la deflagrazione.

Il boato in mano, è il caso di dire, e l'arto sinistro che si spappola in pezzi. Non solo. La fiammata ha causato sul corpo del giovane una serie di escoriazioni su tutto il fianco sinistro. Il giovane è stato soccorso e trasportato presso l'ospedale "Vito Fazzi" di Lecce dagli stessi parenti che hanno assistito alla tragica scena. Tutto, infatti, sarebbe accaduto sul balcone dell'abitazione della vittima, alla periferia del paese. Ricoverato nel reperto di Ortopedia, a detta dei medici ne avrà per 30 giorni.

Intanto l'associazione Guardie difesa ambientale di Nardò, visto l'avvicinarsi del Capodanno, intende ricordare alcuni accorgimenti che ogni cittadino dovrebbe adottare nel campo dell'utilizzo di fuochi pirotecnici.

Il comandante dell'associazione, Alessandro Rizzo sottolinea che l'uso incauto dei fuochi d'artificio potrebbe produrre lesioni anche gravi come ustioni al viso e mani e danni alla vista e udito.

Ecco alcuni accorgimenti che la nostra associazione può dare:

* I giochi pirotecnici autorizzati e in libera vendita devono riportare sulla confezione un'etichetta con il numero del decreto ministeriale che ne autorizza il commercio, il nome del prodotto, la ditta produttrice, la categoria d'appartenenza e le modalità d'uso;
* si consiglia di acquistare soltanto fuochi consentiti e da rivenditori autorizzati;
* prima di accenderli leggere attentamente le istruzioni e controllare lo stato di conservazione;
* quando viene acceso un fuoco d'artificio non indossare indumenti di pile o simili oppure acetati;
* non tentare di riaccendere botti inesplosi;
* utilizzare fuochi d'artificio consentiti lontano dalle persone e da materiale infiammabile;
* nell'accendere quelli consentiti ricordarsi di: posizionare il fuoco su una superficie piana o, in caso di razzi, perfettamente in verticale, non utilizzando bottiglie di vetro; non tenere mai con le mani razzi, candele o petardi; allontanarsi immediatamente e non accendere razzi o petardi con la miccia corta, potrebbero esplodere in mano da un momento all'altro; * non gettare e non indirizzare mai petardi o razzi verso le persone;
* non far esplodere mai petardi o razzi in bottiglie o dentro contenitori fragili, perché rompendosi potrebbero produrre pericolosi frammenti;
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
* evitare di trasportare materiale pirotecnico in macchina e di usare fiamme libere (accendini, fiammiferi, sigarette, ecc.) nelle vicinanze.
Nei casi dubbi, prima di acquistare il prodotto rivolgersi alle Forze dell' Ordine.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripresa del virus in provincia di Lecce: 33 i positivi, tra questi bimbo di 4 mesi

  • Schianto frontale in moto contro un'auto: muore 54enne, grave una donna

  • Trascina la figlia per l'orecchio, i clienti del bar si ribellano e finisce a botte

  • Coronavirus in Puglia: nove positivi, cinque nel Salento fra cui anziano di una Rsa

  • Sospetta violenza sessuale: 20enne con forti dolori denuncia stupro

  • Covid-19, venti nuovi positivi in Puglia. Quattro in provincia di Lecce

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento