Cronaca via Pompeo Rainò

Fiammata sulla porta di un fioraio: forse un petardo o della benzina

E’ accaduto alla periferia di Taviano, nel cuore della notte, ai danni del titolare di un negozio e venditore ambulante

La stazione dei carabinieri di Taviano

TAVIANO- Potrebbe essere stato un petardo di grosse dimensioni, esploso per errore nelle vicinanze di un’abitazione, o al contrario un vero e proprio atto intimidatorio. Di certo c’è che l’annerimento del portone della casa di un commerciante è stata provocata da del liquido infiammabile.

E’ accaduto nella notte, a Taviano, in via Pompeo Rainò, nella periferia in direzione delle campagne di Alezio, davanti all’ingresso dell’appartamento, al piano terra, di un rivenditore di fiori. L’uomo, incensurato, è titolare di una rivendita nella cittadina del basso Salento e ambulante, sempre nel settore.

Il sistema di antifurto, data l’onda d’urto provocata dalla deflagrazione, si è immediatamente attivato. I proprietari di casa, usciti per un controllo, hanno notato la fiammata sul portone, che si è auto estinta nel giro di pochi secondi. Dell’accaduto sono stati informati i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Casarano, per i dovuti accertamenti del caso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fiammata sulla porta di un fioraio: forse un petardo o della benzina

LeccePrima è in caricamento