menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scritta intimidatoria sul portone della sede. Nel mirino segretario della Lega

Nuovo atto vandalico contro la sede dei salvianiani di Racale. Minacce all’indirizzo del segretario Alessio Parata. Solidarietà e sdegno trasversale dalla politica locale e regionale

RACALE - Ancora una volta scritte offensive e minacciose all’indirizzo del segretario cittadino della Lega con Salvini di Racale sono state incise, a colpi di bomboletta spray, sull’ingresso della sede del partito in via Piemonte. L’ennesimo e stucchevole atto vandalico, compiuto verosimilmente durante la notte, che non ha nulla da spartire con la contrapposizione e la sana dialettica politica e che è stato già stigmatizzato, a più voci e trasversalmente, dagli ambienti della politica cittadina e regionale.

Nel mirino degli ignoti imbrattatori ancora una volta il segretario cittadino Alessio Parata, vittima dell’ennesimo atto vandalico, ma questa volta anche con toni più “intimidatori”, con una scritta con una esplicita minaccia di morte comparsa sul portone d’ingresso della sede della Lega racalina. Sull’episodio, subito segnalato alle forze dell’ordine, sono già state avviate le indagini per risalire ai responsabili.

“Credo che un periodo di profonda crisi economica e di difficoltà possa anche portare all'esasperazione dei toni, ma nulla può giustificare atti vandalici e scritte che augurano la morte di qualcuno. Spero che si faccia chiarezza su questo episodio” il commento del consigliere regionale della Lega, Gianni De Blasi.

“Già in passato la nostra sede era stata oggetto di atti vandalici, ma questa volta si tratta di una vera e propria minaccia nei miei confronti” conferma Alessio Parata, “mi rattrista il gesto, mi preoccupa ancor di più però che questo sia stato compiuto in un momento drammatico per tutti, e nel totale disinteresse delle ordinanze e delle regole che la zona rossa rinforzata ci impone. Quindi un gesto oggi, doppiamente da condannare”.

Anche il sindaco di Racale, Antonio Salsetti e il consigliere regionale Dem ed ex primo cittadino, Donato Metallo, esprimendo solidarietà all’esponente politico, hanno nel contempo manifestato la totale disapprovazione verso il vile gesto compiuto da ignoti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento