Sabato, 24 Luglio 2021
Cronaca

Università, ampliata l’offerta formativa. Un milione di euro per i ricercatori

La seduta del Senato accademico ha determinato in 54 i corsi di studio. Modifiche nell'area pedagogica: istituita la laurea in Progettazione e gestione dei sistemi formativi. Da Fondazione Caripuglia le risorse per i posti a tempo determinato

Foto di repertorio.

LECCE - Si è tenuta il 12 maggio la seduta del Senato accademico dell’Università del Salento che ha deliberato su alcuni punti fondamentali. Innanzitutto si è deciso di attivare l’offerta formativa per il prossimo anno accademico (2014-2015): 24 sono i corsi di laurea triennale, 28 i corsi di laurea magistrale e 2 i corsi di laurea magistrale a ciclo unico, per un totale di 54 corsi di studio.

In questo modo è stata confermata, in gran parte, l’offerta del precedente anno, eccetto alcune modifiche che riguardano i corsi dell’area pedagogica, con la nuova istituzione del corso di laurea magistrale in Progettazione e gestione dei processi formativi, e nell’area filosofica, con la riformulazione del progetto formativo dei corsi di laurea in Filosofia. Il Senato ha stabilito di avviare una discussione approfondita sulle politiche di programmazione dell’offerta formativa, compresa la possibilità di attivare nuovi corsi di laurea, in aggiunta a quelli esistenti.

Una buona notizia riguarda il pagamento della seconda e terza rata di contribuzione studentesca che è stato prorogato al 12 giugno, senza indennità di mora. Per quanto riguarda il versamento delle rate effettuato tra il 13 e il 30 giugno, è prevista un’indennità di mora. “La decisione – spiega il rettore dell’ateneo, Vincenzo Zara - è stata presa in considerazione della difficile situazione socio-economica in cui versano le famiglie e il territorio in generale”.

Il Senato ha anche istituito il 30° ciclo dei corsi di dottorato di ricerca, con la previsione di undici corsi per 81 posti da mettere a bando. Il rettore sottolinea come sia stato notevole il lavoro compiuto da parte dei dipartimenti e dei rispettivi collegi dei docenti: sono intervenute, infatti, novità normative, con l’obbligo di accreditamento da parte dell’Anvur e del ministero, al pari di quanto accade per i corsi di laurea e di laurea magistrale. “Tale sforzo comporterà, senza dubbio, un miglioramento qualitativo per i corsi di dottorato previsti nel prossimo anno accademico”.

Anche il “regolamento studenti part-time” è stato snellito dal punto di vista amministrativo e per quanto riguarda il calcolo degli importi della contribuzione, con l’intenzione di favorire l’iscrizione o il passaggio da “full-time” a “part-time” per gli studenti che - per ragioni lavorative, familiari o di altro genere - non possono assicurare piena disponibilità di tempo. L’obiettivo dichiarato dal Senato  è stato quello di garantire il diritto allo studio e ridurre il numero dei “fuori corso”.

I senatori hanno anche affrontato lo spinoso tema della programmazione del reclutamento del personale di UniSalento. Nel caso del personale tecnico-amministrativo, è stato costituito un gruppo di lavoro che si occuperà di individuare le priorità del reclutamento. Nel caso del personale docente, è stato proposto un modello contenente i criteri per la ripartizione dei punti organico (cioè le possibilità di assunzione) tra gli otto dipartimenti dell’ateneo. E per i posti di ricercatore a tempo determinato (ancora da bandire) la Fondazione Caripuglia ha messo a disposizione dell’ateneo la somma di circa un milione di euro.

Infine i senatori hanno nominato il comitato scientifico della scuola superiore Isufi, composto dai professori Simon Dieter, presidente dell’accademia delle Scienze di Berlino-Brandeburgo; Gaetano Maria Golinelli, ordinario di Economia e gestione delle imprese a “La Sapienza” di Roma; Vincenzo Milanesi, ordinario di Storia delle dottrine morali all’università di Padova. Per l’area delle scienze naturali, nel comitato i professori: Angela Sirigu, direttore del laboratorio di Neuropsicologia presso il Cnrs a Lione; Paolo Mazzoldi, ordinario di Fisica a Padova; Mario Luigi Torsello, Consigliere di Stato. Infine, per l’area delle scienze umane, nel comitato vi sono Pasquale Porro, ordinario a Paris Sorbonne; Gianpiero Rosati, ordinario presso la scuola Normale superiore di Pisa; Alain de Libera, docente presso il Collège de France.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Università, ampliata l’offerta formativa. Un milione di euro per i ricercatori

LeccePrima è in caricamento