Cronaca

Appalti per la Asl di Lecce, in appello pena dimezzata per Sandro Frisullo

Condanna ad un anno e quattro mesi, pena sospesa, nella sentenza di secondo grado. L'accusa aveva invocato tre anni e due mesi. Per l'ex vice presidente della Regione, come per Giampaolo Tarantini, decaduto il reato associativo e l'abuso d'ufficio

@TM News/Infophoto

BARI – Una breve camera di consiglio ha prodotto una sentenza che riforma in buona parte quella di primo grado riconoscendo l’ex vice presidente della Regione Puglia, Sandro Frisullo, e Giampaolo Tarantini  colpevoli di due episodi di turbativa d’asta. Entrambi sono stati condannati a un anno e quattro mesi (pena sospesa), mentre decadono i reati di associazione a delinquere e di abuso d’ufficio. Frisullo è stato detenuto per 21 giorni in carcere ed ha scontato quattro mesi ai domiciliari.

Il procedimento, in secondo grado, riguarda due gare da 370mila euro per la Asl di Lecce e anche un giro di presunti favori (prestazioni sessuali, denaro, servizio auto e pulizia dell’appartamento barese) che l’imprenditore avrebbe garantito in cambio di agevolazioni nelle gare da parte dell’esponente politico tra il 2007 e il 2009

L’accusa aveva chiesto tre anni e due mesi per Frisullo, che in primo grado era stato condannato a due anni e otto mesi con rito abbreviato e tre anni e otto mesi per l’imprenditore che invece era stato condannato a quattro anni e tre mesi. In quest’ultimo caso sono state riconosciute le attenuanti generiche non concesse in primo grado. L’ex esponente del governo regionale è stato interdetto dai pubblici uffici per dodici mesi. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Appalti per la Asl di Lecce, in appello pena dimezzata per Sandro Frisullo

LeccePrima è in caricamento