Cronaca Leuca / Via Vecchia San Cesario

Sentono rumore e pensano siano lavori: ladri fuggono con la cassaforte

Il colpo questa mattina in un appartamento di via Vecchia San Cesario. Il proprietario, un commerciante, era al lavoro. Alle 11 un vicino ha notato la porta divelta e dato l'allarme

La porta divelta.

LECCE – I ladri fanno rumore, ma nessuno sospetta vi sia un furto in atto. I danni collaterali dell’inquinamento acustico.

In un mondo dominato dal frastuono continuo e infernale di eterni cantieri, musica “a palla” dallo stereo del solito vicino, urla di bambini, litigi tra coniugi, televisori a volume sparato e chi più ne metta, più di qualcuno ha avvertito intorno alle 10 le vibrazione di una smerigliatrice. Il pensiero comune? Che vi fossero lavori in qualche appartamento. Quindi, nessuno vi ha dato peso.

Solo intorno alle 11, un vicino, ha notato una porta divelta e dato l’allarme. Ed è così che s’è scoperto il passaggio non dei carpentieri, ma di una banda di malviventi. Nel pieno della mattina, in un appartamento di via Vecchia San Cesario di Lecce, traversa di via dell’Abate.

Un’azione studiata in ogni dettaglio e non certo frutto d’improvvisazione. I ladri si sono presentati all’appuntamento con il colpo, armati di tutti gli strumenti necessari per estrarre quello che cercavano: una cassaforte. Dentro c’era denaro in contanti, forse meno di quanto sperassero, sebbene il danno non sia stato ancora quantificato.

Nell’abitazione presa di mira, vive un commerciante asiatico, titolare di uno dei vari market etnici nati negli ultimi anni a Lecce. E, a quanto pare, non è nemmeno la prima volta che subisce un furto in casa. I furfanti, dunque, molto probabilmente erano al corrente di tutto. Sapevano che alle 10 (l’orario in cui alcuni vicini hanno avvertito il rumore) il commerciante si sarebbe trovato, come sempre, al suo posto nel market e che a quell’ora nel condominio vi sarebbero stati nel contempo meno residenti, fuori per impegni professionali o altere incombenze quotidiane.

Hanno anche scelto con cura il punto da cui intrufolarsi. Il condominio in questione ha un cancello d’accesso esterno, ampi cortili comuni e, al di sotto, non solo garage per le auto, ma anche porte che conducono direttamente negli scantinati di diverse abitazioni.

I ladri hanno tagliato proprio le cerniere di una di queste porte, quella corrispondente per l'appunto allo scantinato del commerciante, e, una volta dentro, hanno girato per casa, scovando ed estraendo la piccola cassaforte incassata nella parete, trascinandola evidentemente in un luogo appartato per aprirla con calma. Sul posto, per le indagini, sono intervenuti i carabinieri dipendenti dalla compagnia di Lecce. Da annotare lo spazio esiguo di tempo in cui si sono mossi. In appena un'ora si erano impossessati del malloppo, senza farsi vedere da nessuno, lasciando del proprio passaggio solo il ricordo dei rumori. 

I furti in abitazione continuano a essere uno degli incubi principali dei cittadini. Specie con l’arrivo delle ferie estive, sale il rischio di lasciare il passo alle bande specializzate. Antifurti, collegamenti con istituti di vigilanza o direttamente con le centrali operative di polizia e carabinieri, più sistemi di videosorveglianza, sono tra i migliori deterrenti per cercare di arginare un fenomeno che resta comunque immortale e impossibile da debellare. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sentono rumore e pensano siano lavori: ladri fuggono con la cassaforte

LeccePrima è in caricamento