Domenica, 1 Agosto 2021
Cronaca

Sequestrata bigiotteria cinese per 350mila euro: era tutta merce senza etichette

Il titolare del negozio "visitato" dalla guardia di finanza, un 35enne, residente a Cavallino, è stato denunciato per la violazione delle disposizioni del codice del consumo, per la quale è prevista sanzione amministrativa che può superare i 25mila euro

Foto di archivio.

CAVALLINO – Riprendono i sequestri, da parte della guardia di finanza, di cineserie varie. I finanzieri della compagnia di Lecce hanno infatti sottoposto a sequestro in un negozio di Cavallino, gestito da un cittadino di nazionalità cinese, circa 169mila articoli di bigiotteria varia, per un valore complessivo di 350mila euro. Tutti gli articoli in vendita erano privi dei requisiti richiesti dal vigente codice del consumo.

In particolare, sulle confezioni e sulle etichette dei prodotti, mancavano le indicazioni, in lingua italiana, della denominazione legale o merceologica, del nome, della ragione sociale o del marchio del produttore o dell’importatore qualora il prodotto venga realizzato fuori dall’Unione europea, dell’eventuale presenza di sostanze che possano arrecare danno all’uomo o all’ambiente e delle eventuali precauzioni sull’utilizzo del prodotto in condizioni di sicurezza.

Il titolare del negozio, un uomo di 35 anni, residente a Cavallino, è stato denunciato ai competenti organi amministrativi per la violazione delle disposizioni del codice del consumo, per la quale è prevista una sanzione amministrativa che può superare i 25mila euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sequestrata bigiotteria cinese per 350mila euro: era tutta merce senza etichette

LeccePrima è in caricamento