Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca

Sequestrati dalla forestale settanta animali imbalsamati in un'aula del "Costa"

Durante i lavori di riordino dei laboratori, all'interno di una sala non utilizzata da tempo, la preside dell'istituto ha rilevato nei giorni scorsi la presenza di numerosa fauna imbalsamata, preparati ossei e campioni biologici conservati in liquido

LECCE – Non sono mai stati belli da vedere, anzi, hanno avuto sempre qualcosa di grottesco al limite del macabro zanne di elefanti, felini, uccelli reali, animali protetti e ormai in via di estinzione imbalsamati messi lì in bella mostra. Anche se con fini didattici. Meglio i documentari della National Geographic. Certo, la sensibilità verso il rispetto degli animali oggi è più diffusa, tanto che esistono convenzioni internazionali che vietano lo sfruttamento e il commercio degli animali che rischiano proprio l’estinzione. Si chiama infatti “Cites”, nato da una convenzione internazionale, il reparto del Corpo forestale dello Stato che ha il compito di controllare il commercio degli animali e delle piante, una delle principali cause dell'estinzione e rarefazione in natura di numerose specie. 

Singolare quel che è accaduto a Lecce, dove il servizio Cites, a seguito di una comunicazione da parte della dirigente scolastica dell’Istituto Galilei Costa, hanno sequestrato oltre 70 esemplari di animali imbalsamati e parti di esemplari protetti. Durante i lavori di riordino di aule e laboratori, all’interno di una sala non utilizzata da tempo, la preside dell’istituto ha rilevato nei giorni scorsi la presenza di numerosa fauna imbalsamata, preparati ossei e campioni biologici conservati in liquido. Pertanto ha ritenuto opportuno avvertire  la Forestale.

scuola1-3-2

Così gli agenti del Cites, giunti sul posto, hanno constatato tra l’altro la presenza di un gigantesco teschio di capodoglio, un coccodrillo, un leone e rapaci di vario genere. E poi teschi di felini e mammiferi, scheletri di cetacei e rettili, oltre ad esemplari con anomalie genetiche. In sostanza si sono trovati alla presenza di un vero e proprio museo faunistico. Grazie anche al supporto  degli esperti del Museo naturale di Calimera, gli agenti hanno proceduto alla  individuazione  dei vari esemplari tutelati dalla normativa Cites. 

Ai sensi di detta normativa la detenzione di quanto rinvenuto deve essere autorizzata da certificazioni rilasciate dal Corpo forestale dello Stato sulla base di documentazione che ne attesti la legale acquisizione. Pertanto, gli agenti, non rinvenendo alcuna documentazione, hanno provveduto al sequestro, a carico di ignoti, di tutto ciò che rientra nella materia di tutela, ed è stato lasciato in custodia presso l’istituto scolastico.  La destinazione definitiva degli esemplari sequestrati sarà disposta dalla magistratura. Nel frattempo l’istituto scolastico potrà utilizzare quanto rinvenuto ai fini didattici.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sequestrati dalla forestale settanta animali imbalsamati in un'aula del "Costa"

LeccePrima è in caricamento