menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I finanzieri del Gico di Lecce.

I finanzieri del Gico di Lecce.

Redditi bassi, ma “alti” giri di denaro sospetti: scatta il sequestro di un bar

Sigilli a un locale a Taviano, nella cui gestione è coinvolto un 29enne tenuto d’occhio dai finanzieri. La misura richiesta dalla Direzione distrettuale antimafia

TAVIANO – Coinvolto nella gestione di un bar di famiglia a Taviano, intestato formalmente a una parente stretta, ma la sproporzione tra il flusso di denaro che transitava dai conti e i redditi dichiarati lo hanno incastrato. Sigilli al locale e, in futuro, una possibile confisca. Il Tribunale di Lecce, davanti a quella evidente  sproporzione tra i vari redditi della famiglia e i soldi realmente maneggiati, ha così disposto il sequestro di due conti correnti bancari e dell’attività commerciale, il cui valore complessivo è stato stimato in oltre 250mila euro.

I finanzieri – quelli del  Gruppo investigativo sulla criminalità organizzata del Nucleo di polizia economico-finanziaria di Lecce -  si sono presentati questa mattina nella caffetteria della cittadina,  due anni e mezzo fa già oggetto di perquisizione nella quale le fiamme gialle trovarono 90mila euro in contanti. La misura, ai sensi del Codice antimafia, è stata disposta perché il ragazzo tenuto sotto osservazione, S.S., 29enne di origini albanesi e con alcune condanne per spaccio di droga alle spalle, ritenuto socialmente pericoloso, dedito al traffico internazionale di sostanze stupefacenti.

Il video: le fiamme gialle raggiungono il bar a Taviano

L’uomo è al momento ristretto agli arresti domiciliari presso la sua abitazione e l’attività commerciale sequestrata è stata affidata a un amministratore giudiziario. I militari si sono presentati su disposizione della Direzione distrettuale antimafia di Lecce che ha emesso il decreto di sequestro. L’indagine è partita dalla constatazione della sproporzione dei redditi del nucleo familiare preso in esame: i finanzieri non hanno trovato alcuna corrispondenza tra quelli dichiarati (insufficienti persino il proprio autosostentamento) e la gestione di somme di denaro elevate. Queste ultime, secondo gli inquirenti, sarebbero dunque provenienti da altre attività condotte dal 29enne, presumibilmente entrate ricavate da "business" illeciti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento