Maxi sequestro nella ditta che produce shopper: ritirate 290mila buste per la spesa

I sigilli a Guagnano, da parte dei carabinieri forestali del Nipaf. Il proprietario potrebbe incappare in una multa fino a 100mila euro

I carabinieri appongono i sigilli.

GUAGNANO – Maxi sequestro, nelle ultime ore, all’interno di un’azienda di Guagnano: ritirate 290mila buste per la spesa. I carabinieri del Nipaf, il Nucleo di polizia ambientale e forestale del comando provinciale leccese, hanno infatti eseguito un controllo all’interno di una ditta specializzata nella produzione di materiale plastico e shopper.

 L’impresa, peraltro tenuta sotto controllo nel corso del tempo, avrebbe realizzato un’ingente quantità di sacchetti per la spesa ritenuti non conformi. Invece di produrre buste monouso biodegradabili, oltre che compostabili come previsto dall’attuale direttiva comunitaria, sarebbero stati invece sfornati mille e 375 chili di sacchi non omologati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Vista la notevole quantità della merce sottoposta a sequestro amministrativo, la sanzione nei confronti del titolare dell’azienda potrebbe sfiorare cifre da capogiro, persino i 100mila euro. Sarà la Provincia di Lecce, in qualità di organo competente, a valutare la somma della multa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza di 22 anni trovata morta in appartamento: è mistero

  • "La moneta da 1 euro non c'è più nel carrello". E lui chiama la polizia

  • Cade dagli scogli in un punto impervio, ferito recuperato con l'elicottero

  • Tragedia in ospedale: si lancia dal quarto piano, muore donna 73enne

  • Covid, quattro casi e un decesso nel Leccese. Movida: controlli straordinari

  • La collisione, la caduta e la barca che affonda. “Sentivo il risucchio dell’elica”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento