Giovedì, 13 Maggio 2021
Cronaca

Cento alberi abbattuti nel boschetto privato senza autorizzazione: due denunce

Intervento dei carabinieri del gruppo forestale tra Lecce e Cavallino dopo una segnalazione: hanno sorpreso un uomo alla guida di un escavatore

Alcuni alberi abbattuti nel boschetto sequestrato.

CAVALLINO – Aveva abbattuto con un escavatore cingolato un centinaio di pini d’Aleppo quando è stato fermato dai carabinieri della stazione forestale di Lecce

I militari sono intervenuti in località “Tempi Nuovi” nel territorio di Cavallino, dopo una segnalazione telefonica: giunti sul posto hanno trovato un neretino di 49 anni alla guida del mezzo meccanico, all’interno di un’area boschiva privata, sprovvisto di qualsiasi autorizzazione al taglio degli alberi. Raggiunto telefonicamente, nemmmeno il proprietario, un 39enne originario di Roma, è stato in grado di fornire alcun permesso per i lavori effettuati.

Entrambi sono stati denunciati all’autorità giudiziaria per concorso in deturpamento di bellezze naturali e lavori eseguiti in assenza di autorizzazione paesaggistica. L’escavatore è stato posto sotto sequestro preventivo così come il boschetto, al fine di prevenire ulteriori attività.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cento alberi abbattuti nel boschetto privato senza autorizzazione: due denunce

LeccePrima è in caricamento