Cronaca Tricase

Scarti edili abbandonati su un’area di 30mila metri: scattano sigilli

I carabinieri del Noe hanno sequestrato un terreno, a Tricase: denunciato il proprietario per gestione illecita dei rifiuti

TRICASE – Una vasta area a Tricase, di ben 30mila metri quadrati, sottoposta a sequestro. Sono stati i carabinieri del Noe di Lecce, il Nucleo operativo ed ecologico, ad effettuare un controllo ambientale in località “Matine”, nelle campagne della cittadina del Capo di Leuca. Sul terreno agricolo, erano state livellate ampie depressioni esistenti, dopo aver riversato i rifiuti provenienti dalle lavorazioni edili.

Al termine dell’ispezione, il proprietario del terreno è stato deferito in stato di libertà, presso la Procura della Repubblica di Lecce, con l’accusa di gestione illecita di rifiuti speciali non pericolosi ed esercizio di discarica abusiva.    I militari dell’Arma, guidati dal colonnello Nicola Candido, oltre all’autorità giudiziaria, hanno anche informato del sequestro le autorità amministrative per i provvedimenti di competenza e le sanzioni preiste dalle legge.

Appena pochi giorni addietro, i carabinieri hanno invece effettuato una serie di controlli anche negli agriturismi del Salento, per verificare il corretto smaltimento dei rifiuti. In un caso, hanno persino scoperto una discarica, composta da scarti anche pericolosi, improvvisata nella struttura ricettiva di Otranto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scarti edili abbandonati su un’area di 30mila metri: scattano sigilli

LeccePrima è in caricamento