Sabato, 24 Luglio 2021
Cronaca

Fermati quattro cacciatori: attiravano i tordi usando richiami illeciti

Gli agenti di polizia provinciale hanno sequestrato il materiale utilizzato per la caccia, compresi i fucili e le munizioni, perlustrando tutto il territorio, al fine di vigilare sul corretto svolgimento dell'attività venatoria

@TM News/Infophoto

CANNOLE - Quattro richiami acustici, rigorosamente illegali, sono stati sequestrati dagli uomini della polizia provinciale di Lecce, coordinati dal comandante Antonio Arnò. I congegni, utilizzati per la cattura dei tordi, sono stati rinvenuti al termine di appostamenti e controlli, eseguiti nel fine settimana appena concluso.

Gli agenti di polizia hanno sorpreso, in flagranza di reato, quattro cacciatori, mentre esercitavano in maniera abusiva l'attività. Il primo, G.A., è stato fermato in località Torcito, a Cannole. Si tratta di un uomo proveniente da Napoli. Al cacciatore "scorretto", munito dell'apparecchio per riprodurre il canto dei tori, è stato sequestrato il fucile semiautomatico e le munizioni.

La seconda verifica, invece, è stata effettuata a Borgagne, nei pressi dell'ex bosco "Coppola" e ha portato il personale a deferire G.A., colto  con i richiami acustici vietati dalla normativa vigente.

Sorte analoga è toccata ad altri due cacciatori, rispettivamente a Leverano e Morciano di Leuca: anche in queste occasioni, gli agenti di polizia provinciale si sono impossessati dei simulatori dei versi e di tutto il materiale. I cacciatori sottoposti ad ispezione, sono stati in tutto 250.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fermati quattro cacciatori: attiravano i tordi usando richiami illeciti

LeccePrima è in caricamento