Giovedì, 24 Giugno 2021
Cronaca

Quasi mille metri quadrati di rifiuti pericolosi. Scattata una denuncia

Una 52enne di Bari è finita nei guai con l'accusa di violazione delle norme ambientali. Avrebbe adibito a discarica abusiva un'area di 895 metri quadrati, dove venivano stoccati rifiuti pericolosi. Sotto sequestro il terreno

Un'immagine dell'area sequestrata

SOLETO - A pochi mesi dall'inquietante episodio, a cavallo tra la primavera e l'estate,  che ha acceso i riflettori sull comune di Soleto per alcune vicende legate allo smaltimento illecito di rifiuti e per la scoperta di enormi strati di guaina bituminosa  interrata sotto la piazza centrale del borgo, l'ennesimo sequestro è scattato questa mattina ad opera dei finanzieri della tenenza di Maglie.

Nell’ambito di un’operazione di servizio finalizzata alla tutela dell’ambiente, disposta e coordinata dal comando provinciale di Lecce, infatti, i militari hanno individuato, nel centro abitato del Comune di Soleto, un terreno adibito a discarica abusiva. Nell’area di circa di 895 metri quadrati, interamente recintata da un muro alto circa due metri, erano stati stoccati rifiuti speciali, pericolosi e non, tra i quali  ferro, lamiere e fili elettrici. Ma anche frammenti  di guaina catramata, travi in cemento e traverse in metallo, generalmente utilizzate dalle Ferrovie dello Stato. Tutta l’area interessata è stata dichiarata sotto sequestro mentre la proprietaria, una 52enne di Bari, è stata deferita all’autorità giudiziaria per la violazione delle norme sul rispetto dell’ambiente.

 


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quasi mille metri quadrati di rifiuti pericolosi. Scattata una denuncia

LeccePrima è in caricamento