Cronaca

Servizio di emergenza in mare, il protocollo tra Asl Lecce e capitanerie di Gallipoli

Il servizio 118 della Provincia di Lecce ha messo a punto un protocollo condiviso con la Capitaneria di Gallipoli. Il nuovo accordo con la Asl è "un evento ispiratore di linee guida nazionali in materia di soccorso sanitario in mare"

Sanitari del 118 con militari della guardia costiera (foto di repertorio).

LECCE - Ritenendo indispensabile garantire l’assistenza medica in urgenza-emergenza su tutto il territorio nazionale, sia sulla terra ferma che in mare, il servizio 118 della Provincia di Lecce, attraverso il direttore della centrale operativa della Asl Lecce, Maurizio Scardia, ha da tempo messo a punto un protocollo operativo condiviso tra sistema 118 e Capitaneria di porto di Gallipoli.

Tale protocollo, sottoscritto il 10 dicembre 2007 dal capitano di fregata Giacomo Salerno e dal direttore della centrale operativa , ha previsto un raccordo innovativo tra il servizio provinciale e la Guardia costiera, attraverso la prevista sinergia operativa tra le due istituzioni nel caso di interventi sanitari in urgenza-emergenza in mare.

Il protocollo operativo condiviso ha rappresentato il primo esempio di stretta sinergia operativa, preceduta da un iter formativo delle due diverse componenti. Quanto realizzato nella Provincia di Lecce nel 2007 è stato trasfuso nelle linee guida nazionali del 2011 dal titolo “procedure per l’assistenza medica in mare in situazioni di emergenza” .

In queste ultime sono analiticamente descritti i rapporti tra 118, Cirm (centro internazionale radio medico), Imrcc, Mrsc e Ucg (unità costiera di guardia). Il documento definitivo è stato siglato il 1° settembre 2009 dal comandante generale del corpo delle capitanerie di porto, ministero della Salute, presidente del centro internazionale radio medico.

Facendo seguito a quest’ultimo documento, che integra la precedente convenzione con il servizio 118 Asl Lecce, la Capitaneria di Gallipoli ha proposto di recente un nuovo accordo quadro con la Asl Lecce (Seus 118), su sollecitazione della direzione marittima di Bari, onde incrementare le capacità tecnico-sanitarie in materia di salvaguardia della vita umana in mare.

Tutto questo è motivo d'orgoglio e soddisfazione per la direzione generale della Asl di Lecce che rileva come il servizio 118 Lecce sia stato pioniere nell’elaborare, insieme con la Capitaneria di porto di Gallipoli, un protocollo operativo che ha rappresentato un evento innovativo ispiratore di linee guida nazionali in materia di soccorso sanitario in mare.

Il protocollo in essere ha permesso di intervenire con successo in numerosi eventi sia a bordo di navi da crociera che a bordo di navi mercantili e pescherecci che navigavano al largo della costa salentina.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Servizio di emergenza in mare, il protocollo tra Asl Lecce e capitanerie di Gallipoli

LeccePrima è in caricamento