Sesso tra minori ripreso col telefono e diffuso via chat, sette rischiano processo

Gli indagati(tra i 17 e i 19 anni ma minorenni all'epoca dei fatti) rischiano di finire a processo con l'accusa di pornografia minorile

LECCE – Una torbida storia di sesso tra minori, filmati hard realizzati con gli smartphone e poi scambiati in chat. In sette, tutti giovanissimi (tra i 17 e i 19 anni ma minorenni all’epoca dei fatti) rischiano di finire a processo con l’accusa di pornografia minorile. Il procuratore della Repubblica per i minorenni Maria Cristina Rizo e il sostituto Anna Carbonara hanno chiuso le indagini a carico dei sette indagati, contestando complessivamente ben diciotto capi di imputazione.

A dare avvio alle indagini la denuncia di un dirigente scolastico che aveva appreso di alcune voci, circolanti all’interno dell’istituto, di filmati a luci rosse realizzati da alcuni studenti e scambiati in chat attraverso WhattsApp. Al centro della vicenda una ragazzina appena sedicenne all’epoca dei fatti (tra il marzo e l’aprile del 2015), ripresa in più filmati con più partner (anche maggiorenni, per cui procede la Procura ordinaria). E’ stata la madre, insospettita da alcuni messaggi ricevuti dalla figlia e da alcuni voci raccolte, a denunciare la vicenda. E’ bastato sottoporre i telefoni sequestrati a perizia per scoprire l’amara verità. La stessa ragazza è finita nel registro degli indagati con l’accusa di divulgazione di pornografia minorile per aver inviato via chat i filmati che la ritraevano mentre consumava rapporti sessuali.

Un’inchiesta dal sapore amaro e per certi versi sorprendente, che ha scoperto il vaso di Pandora di un gruppo di ragazzi come tanti, simbolo di una generazione forse troppo impaurita e insicura, in continua ricerca di ammirazione, appesa troppo spesso a un “like”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli indagati sono assistiti dagli avvocati Massimiliano Petrachi, Vincenzo Magi, Michele Palazzo, Cristiano Solinas, Cosimo Rampino, Francesco De Jaco, Umberto Bisciotti e Mario Fazzini. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Giovane turista fa il bagno e sul fondale ritrova bacino in ceramica del XIV secolo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento