Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca

Sfida per le nuove generazioni: "L'energia è il futuro"

Questa mattina, a Palazzo Adorno, è avvenuta la presentazione di un concorso di "European Schoolnet" che coinvolgerà gli studenti delle medie. La premiazione avverrà a giugno a Bruxelles

"Fronteggiare l'uso dissennato dell'energia e la desertificazione". Queste le parole dell'assessore provinciale alle Politiche energetiche Gianni Sergi per dare il benvenuto all'" Energia è il nostro futuro", un progetto organizzato in collaborazione con PlasticsEurope (associazione di produttori di materiali plastici in Europa), quale membro associato della campagna Sustainable Energy Europe. A capo del progetto l'associazione leader nei concorsi, attività e scambio di informazioni nelle scuole a livello europeo "European Schoolnet" (Eun).

"Il consumo energetico è uno dei maggiori responsabili dell'emissione dei gas che gravano sull'effetto serra e, di conseguenza, provocano il cambiamento climatico", come afferma il presidente della PlasticsEurope, John Taylor. Energia come progetto comunitario: 25 stati Europei per eguagliare l'educazione ad un reale cambiamento; l'ideazione parte proprio con l'intento di aiutare insegnanti e studenti ad avere una maggiore consapevolezza sul rispetto dell'ambiente e su un utilizzo intelligente dell'energia. Inoltre il loro compito sarà quello di sensibilizzare a riguardo l'ambiente familiare. "Bisogna seminare nelle nuove generazioni", dice il dirigente dei Servizi amministrativi Antonio Campanelli, il quale afferma anche l'esistenza di queste tematiche nelle scuole, ma senza un dovuto approfondimento. Inoltre, continua "partecipare al concorso implica per i nostri ragazzi anche un divertimento".


Il progetto è rivolto agli studenti della scuola secondaria, di età compresa tra gli 11 ed i 18 anni. Il lavoro potrà essere presentato tramite uno slogan con un limite di 20 parole, un poster o ancora con una descrizione di massimo 300 parole con all'interno un lavoro interdisciplinare, con la possibilità di scrivere in francese, inglese o tedesco. Sono chiamati, dunque, alla più totale collaborazione gli insegnanti di lingua, lettere e scienze. Le opere verranno giudicate in base a quattro fasce d'età: inferiore di 12 anni, 13-14 anni, 15-16 anni e superiore ai 17 anni. Saranno premiati dodici studenti vincitori (tre per categoria), insieme agli insegnanti che hanno compartecipato, con un viaggio a Bruxelles, dove si terrà la cerimonia, in programma per il giugno 2007.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sfida per le nuove generazioni: "L'energia è il futuro"

LeccePrima è in caricamento