Sfruttamento della prostituzione, chiesto giudizio per proprietario di locale

La Procura ha chiesto il rinvio a giudizio per Marco Costa, 40enne di Galatina, al centro di un presunto giro di prostituzione

LECCE – La Procura del capoluogo salentino ha chiesto il rinvio a giudizio per Marco Costa, 40enne di Galatina, accusato di aver induzione e sfruttamento della prostituzione. Costa, titolare night club “Coco”, fu anche arrestato a febbraio scorso.

La presunta vittima avrebbe conosciuto l’imputato nel 2014. Quest’ultimo, stando ai riscontri investigativi ottenuti dai carabinieri coordinati dal tenente Rolando Giusti, le ha proposto di ballare per il “Coco night club”. Sessanta euro per sei ore la paga. Poi, nel tempo, avrebbe aggiunto ulteriori 30 euro qualora la ragazzo avesse accettato gli “straordinari” nel privè del locale.

Le richieste di extra sarebbero aumentate fino a quando il 40enne si sarebbe recato di persona nell’abitazione che la ballerina condivide con altre ragazze, tra cui alcune straniere, sue colleghe. Costa le avrebbe invitate a concedersi ai clienti per ottenere guadagni. Sarebbe così iniziata un’attività di prestazioni sessuali, dai 100 ai 150 euro. Dei quali lei avrebbe percepito soltanto la metà. La restante parte sarebbe finita nelle tasche di Costa. Fino a quando la ragazza non ha deciso di denunciare tutto ai carabinieri. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fanno sesso, poi diffonde i video e affigge immagini: revenge porn, incastrato

  • Travolto con il furgone, amputata parte della gamba destra del 38enne

  • Mauro Romano, chiuse le indagini sull’ex barbiere: sequestro di persona

  • Rapine con autovetture rubate anche durante il lockdown: in tre agli arresti

  • La lite degenera: spunta pistola a salve, investito con violenza con l’auto

  • Debito di droga si trasforma in incubo: lo minacciano davanti al nipote, tre in manette

Torna su
LeccePrima è in caricamento