Si è spento in mattinata il 73enne accoltellato dal figlio. Troppo gravi le ferite riportate

I fatti risalgono al 23 ottobre scorso, Antonio Longo avrebbe affrontato il padre al culmine dell'ennesima lite famigliare

LECCE – Non ce l’ha fatta Severino Longo, il 73enne di Lizzanello accoltellato dal figlio Antonio alla gola, al volto e alla testa lo scorso 23 ottobre. Troppo gravi le ferite riportate dall’uomo, che si è spento questa mattina in ospedale dopo venti giorni di agonia. 

La violenta aggressione sarebbe scaturita al culmine dell’ennesima lite famigliare. Antonio Longo, 48 anni, avrebbe afferrato un coltello da cucina e colpito l’anziano dinanzi alla madre e alla sorella. Sono state proprio quest’ultime a chiamare i soccorsi.

Sul caso indagano i carabinieri di Lizzanello, coordinati dal maresciallo Vito Prete, e i colleghi della scientifica, sotto la guida del luogotenente Vito Angelelli. Il corpo della vittima è stato trasferito, su disposizione dell’autorità giudiziaria, presso la camera mortuaria del “Vito Fazzi”. Nei prossimi giorni dovrebbe essere disposta l’autopsia. Nei confronti del 48enne sarà contestata l’accusa di omicidio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maxi frode col gasolio agricolo, undici arresti e 64 indagati

  • Militari attendono cassiera a fine turno: addosso parte dell’incasso, sospetti ammanchi per 50mila euro

  • Fanno sesso, poi diffonde i video e affigge immagini: revenge porn, incastrato

  • Rapine con autovetture rubate anche durante il lockdown: in tre agli arresti

  • Mauro Romano, chiuse le indagini sull’ex barbiere: sequestro di persona

  • “L’eredità”, il concorrente leccese batte il record di puntate da vincitore

Torna su
LeccePrima è in caricamento