Martedì, 27 Luglio 2021
Cronaca

Si fa largo tra le dune con la motopala. Denunciato per danneggiamento

In località “Le dune” è la Guardia costiera ha sequestrato un cordone dunale su proprietà privata e confinante con il demanio marittimo. Le indagini hanno appurato che i responsabili hanno agito con un mezzo meccanico

 

PORTO CESAREO – La piaga di Porto Cesareo è tutta in questa denuncia della Guardia costiera di Gallipoli e del locale Ufficio marittimo. E siamo sempre alle solite, ambiente martoriato, con annesso abusivismo spietato, che ha ridotto una delle baie più belle d’Italia in un ammasso di cemento insensato e il deturpamento di splendide dune di sabbia ormai solo nei ricordi di quanti hanno potuto godersele in passato.

Deturpamento delle dune, que che che resta, danneggiamento, distruzione di bellezze naturali in terreni agricoli di salvaguardia paesaggistica soggetti a vincolo idrogeologico, paesaggistico e di valore distinguibile e rilevante. Sono i reati contestati dai militari che hanno svolto una complessa attività di polizia giudiziaria in sinergia con i carabinieri ed i vigili urbani del Comune di Porto Cesareo lungo il litorale marittimo.

In particolare, proprio in località “Le dune”, guarda caso, è stato posto sotto sequestro un cordone dunale su proprietà privata e confinante con il demanio marittimo. Le indagini hanno appurato che i responsabili hanno agito mediante l’utilizzo di una motopala e successivamente hanno parzialmente ricoperto le tracce del mezzo meccanico con sabbia. Un’opera con i fiocchi.

Le verifiche effettuate hanno portato al sequestro dell’area e alla denuncia del responsabile all’autorità giudiziaria. Le indagini seguono quelle effettuate di recente nel medesimo Comune di Porto Cesareo, in località “Belvedere” allo scopo di assicurare alla giustizia chi, in sprezzo di ogni legge deturpa l’ambiente.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si fa largo tra le dune con la motopala. Denunciato per danneggiamento

LeccePrima è in caricamento