Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

"Si sente trascurata dall'amica, così la perseguita e intercetta i suoi colloqui", a processo una 45enne

Disposto il rinvio a giudizio di una donna di Taurisano per stalking nei riguardi di un’avvocatessa. Secondo l’accusa, sarebbe arrivata a captare le conversazioni avute dalla vittima col marito e a inviarle a quest’ultimo dopo averle manipolate in modo da screditarla

TAURISANO - Da confidenti sarebbero diventate acerrime nemiche al punto da darsi battaglia in tribunale. E’ qui che un’avvocatessa del Foro di Lecce ha trascinato una 45enne di Taurisano, accusandola di stalking. E non solo. L'ex amica dal banco degli imputati dovrà rispondere anche del reato di “installazione di apparecchiature atte a intercettare o a impedire comunicazioni o conversazioni telegrafiche o telefoniche”, perché sarebbe arrivata a memorizzare, utilizzando servizi di spoofing, i colloqui avuti dalla vittima col marito e a inviarli a quest’ultimo in un cd ma solo dopo averli manipolati in modo che la sua voce sembrasse quella di un altro uomo. Insomma, ogni mezzo sarebbe stato buono per screditare e vendicarsi di quella donna che per il sol fatto di essere diventata madre non le dedicava più le attenzioni di un tempo.

Dalle telefonate anonime agli inseguimenti in auto, dalle lettere spedite ai familiari della malcapitata in cui le dava della poco di buono alle minacce come questa: “Sei una bastarda, che tu sia maledetta, se ho combinato quello che sai (riferendosi a sue condotte molestie nei riguardi di un uomo a cui era legata affettivamente, ndr) è per colpa tua, tu mi hai usato e buttato via. Tu fai male a chi ti vuole bene e pagherai. Chiama pure i carabinieri, gli amici tuoi, tanto stasera finisce male. Io una vita non ce l’ho, ma userò la mia per distruggere la tua”.

Racconta questo l’inchiesta su numerosi episodi avvenuti tra il 2019 e il 2020, condotta dagli agenti del commissariato di Taurisano e coordinata dal pubblico ministero Luigi Mastronianni, che ieri ha ottenuto dalla giudice Simona Panzera il rinvio a giudizio della 45enne.

A difenderla ci penserà l’avvocato Americo Barba. In aula, ci sarà anche l’avvocatessa che, durante l’udienza preliminare, si è costituita parte civile con il collega Roberto Bray.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Si sente trascurata dall'amica, così la perseguita e intercetta i suoi colloqui", a processo una 45enne

LeccePrima è in caricamento