rotate-mobile
Cronaca Gallipoli

Mancata emissione di scontrini. I finanzieri chiudono sette negozi

I militari hanno sospeso temporaneamente cinque attività nella zona di Gallipoli, e due a Casarano e Taurisano. Tra queste, un ristoratore, un fruttivendolo, un rivenditore di materiale edile e alcuni commercianti di abbigliamento. Tutti sono stati beccati, in più di quattro occasioni, senza ricevuta fiscale

GALLIPOLI – Sono sette i provvedimenti scattati nei confronti di altrettanti negozi, da parte dei finanzieri, per mancata emissione dello scontrino o della ricevuta fiscale. Nell’ultima parte del mese di novembre, i militari della compagnia di Gallipoli, guidata dal capitano Francesco Mazza, hanno infatti adottato cinque provvedimenti di chiusura nei confronti di altrettante attività commerciali della Città Bella, di Matino, Parabita, Nardò e Galatina, specializzati nella vendita di materiale edile, nell’abbigliamento per adulti (nel caso di due commercianti cinesi), nell’ortofrutta e nella ristorazione.

Nei loro confronti la sospensione dell’attività commerciale è stata disposta per un lasso temporale che, a seconda dei casi, varia dai tre ai cinque giorni consecutivi, con esclusione dei giorni di riposo settimanale e di quelli di chiusura programmata dell’esercizio. I colleghi della tenenza di Casarano, inoltre, hanno apposto i sigilli a un negozio di abbigliamento del posto, gestito da una donna di nazionalità cinese. L’esercizio rimarrà chiuso per cinque giorni.

Stessa sorte è toccata a un ambulante di Taurisano, nei cui confronti la chiusura dell’esercizio è scattata per tre giorni. Le misure prevedono, inoltre, una sanzione accessoria, oltre a quella del cento per cento dell’imposta corrispondente all’importo non documentato, specifica per le mancate emissioni di scontrini e ricevute. In caso di scoperta di quattro scontrini non battuti o ricevute non emesse nel corso di 5 anni, infatti, l’Agenzia delle entrate, su proposta delle fiamme gialle, dispone la chiusura dell’esercizio.

Per alcuni casi di particolare gravità è prevista persino la proposta di sospensione della licenza o l’autorizzazione alla vendita. Dall’inizio del 2013, in tutta la provincia di Lecce, sono stati eseguiti ben 79 provvedimenti di chiusura nei confronti di altrettante attività.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mancata emissione di scontrini. I finanzieri chiudono sette negozi

LeccePrima è in caricamento