menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Simula di avere una pistola in tasca, ma la rapina fallisce: acciuffato

A Cutrofiano un uomo ha tentato invano di costringere la cassiera della Mps ad aprire la cassa. E alla fine è stato arrestato

CUTROFIANO – Ha simulato di avere nel giubbotto una pistola. Con la mano ha gonfiato la tasca, ma, il tranello non ha funzionato. Probabilmente la cassiera ha intuito tutto. E in ogni caso, ha spiegato di non poter aprire la cassa. Liquidato in quella maniera, Tommaso Bianco, 51enne di Cutrofiano, già noto alle forze dell’ordine, ha finito per desistere ed è scappato. Ma intanto, i carabinieri erano stati avvisati e, nel giro di un’ora e mezza di serrate di ricerche, l’hanno rintracciato e ammanettato.

L’ennesimo tentativo di rapina, e ancora una volta in banca, è avvenuto nel primo pomeriggio. Ma all’autore è andata davvero molto male. Non solo non ha rimediato il becco di un quattrino, ma è finito anche in carcere.

BIANCO Tommaso-2Bianco ha fatto irruzione nella filiale della Monte dei Paschi di Siena di Cutrofiano, in via Umberto I, verso le 15. Ha tentato di convincere la cassiera di avere in tasca una pistola, ma, fallito il colpo, è subito fuggito a piedi, dileguandosi nelle vie vicine. I carabinieri della stazione locale, però, raccolti diversi elementi e avendo capito chi fosse l’uomo dalle descrizioni, si son messi alla sua ricerca, trovandolo verso le 16,30 e portandolo in caserma. Scattato l’arresto, è stato condotto nella casa circondariale di Lecce.

La filiale cutrofianese della Mps non è nuova ad assalti di malviventi. Ma in precedenza, i casi sono stati molto più eclatanti. Ai primi di marzo dell'anno scorso, infatti, una banda, usando acetilene, ha fatto saltare in ari il bancomat, fuggendo con ben 90mila euro. Nell'ottobre del 2015, invece, un tentativo simile fallì per l'arrivo di una pattuglia di vigilanti.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento