Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

Ignora l’alt dei carabinieri e poi simula il furto dello scooter. Non era assicurato

Un 34enne di nazionalità marocchina dopo aver tirato dritto al posto di blocco, ha abbandonato il mezzo e raggiunto la caserma di Trepuzzi per fare denuncia. Ma la sua messinscena è stata smascherata. Denunciato a piede libero

SQUINZANO – Alla fine, lo ha riconosciuto lui stesso, ha improvvisato la messinscena perché lo scooter che guidava, un Suzuki Burgman 250, non era assicurato. E’ stato per questo semplice “dettaglio” che un 34enne di nazionalità marocchina, J.K., residente a Squinzano e già noto alle forze dell’ordine, intorno alle 21 di ieri, non si è fermato all’alt dei carabinieri.

I militari si sono lanciati all’inseguimento, ma il centauro è riuscito a far perdere le proprie tracce il tempo necessario a disfarsi della moto sulla provinciale che collega quel centro a Trepuzzi, dove l’uomo è riuscito in qualche modo ad arrivare. L’intento, lo si è compreso poco dopo, era infatti quello di simulare la sottrazione del mezzo. Ma i carabinieri che si erano lanciati all’inseguimento lo hanno smascherato “in flagrante” telefonando ai colleghi davanti ai quali l’uomo stava, in effetti, sporgendo denuncia.

La descrizione dell’abbigliamento è bastata ad avere la certezza che si trattasse della stessa persona che poco prima non si era fermata alla segnalazione dei militari. L’uomo è stato denunciato a piede libero per non aver rispettato l’alt, per aver guidato senza assicurazione e per aver finto di aver subito un furto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ignora l’alt dei carabinieri e poi simula il furto dello scooter. Non era assicurato

LeccePrima è in caricamento